Cancello ed Arnone: realizzazione di una vasca di accumulo di una capacità di acqua che soddisfi le esigenze dei consumi giornalieri della popolazione.

Campania Felix

30/09/2020

82 visualizzazioni

(Anna Smimmo) – Tra i punti approvati durante l’ultima giunta comunale, ce n’è uno al quale l’Esecutivo tiene particolarmente, poiché grazie alla sua realizzazione, si riuscirà a risolvere una problematica molto sentita, ovvero la mancanza di acqua.
“Bisogna partire dal presupposto che il problema acqua ci vede patire delle situazioni che esorbitano dalle nostre competenze”. Queste le parole del primo cittadino Raffaele Ambrosca, che continua: “Durante la campagna elettorale abbiamo affermato che avremmo dismesso le cisterne da questo paese, concetto che ancora oggi ribadisco. Dismettere non significa togliere le cisterne, che rappresentano un accumulo di acqua che ci fa gioco, ma staccare i motorini e consentire che l’acqua possa raggiungere i rubinetti senza l’ausilio dei motorini stessi.
Siccome abbiamo questa schiavitù dalla quale vogliamo affrancarci, l’unico modo per farlo è la realizzazione di una vasca di accumulo di 12.000 mc di acqua, che garantirà un approvvigionamento di 4 o 5 giorni.
Asserisco che questo è l’unico modo perché nessuno tra gli Enti titolati, si decide a rifare nuovo quel tratto di rete idrica che fa arrivare l’acqua nel nostro paese. Per un solo giorno di rottura della condotta, restiamo 4 giorni senza acqua. Quando questo si ripete per 2 o 3 volte nell’arco di 10/12 giorni, abbiamo una sofferenza enorme che non riusciamo mai a compensare.
Il nostro paese assorbe acqua per circa 2.500mc al giorno. Avere 12.000 mc significa avere 4 o 5 giorni di acqua nel caso dovessero verificarsi perdite a monte.
Stiamo dando incarico al nostro concessionario di realizzare una vasca di 12.000 mc, però in maniera modulare. Al Torrino, infatti, c’è spazio per ospitare i primi 6.000 mc con immediatezza.
Se non dovessero bastare, il progetto di massima prevede già 12.000 mc, quindi si tratterebbe solo di fare un esproprio di terreno affianco al torrino, per realizzare gli ulteriori 6.000 mc di acqua.
É questione di mesi – conclude il sindaco – e il problema andrà a soluzione e potremmo essere al riparo da situazioni che ci mettono in ginocchio”.

Comments

comments

Condivi il post su: