BASKET FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE B- CUORE NAPOLI INDOMABILE, BATTUTA OMEGNA NEI QUARTI DI FINALE

Campania Felix

04/03/2017

435 visualizzazioni

: OGGI SFIDA IN SEMIFINALE A VALMONTONE ALLE 13.15, CON DIFFERITA TELEVISIVA ALLE 21 SU CAMPANIA FELIX

Fulgor Basket Omegna – Cuore Napoli Basket= 73-76 (15-34; 36-49; 56-62)

Omegna: Gasparin 14, Simoncelli 14, Bianchi S. 14, Dagnello 6, Bianchi A. 6, Fratto 6, Perez 6, Arrigoni 5, Villa 2, Barberis n.e. All: Ghizzinardi Marcello.
Napoli: Visnjic 17, Nikolic 15, Maggio 13, Barsanti 10, Mastroianni 8, Murolo 7, Matrone 6, Marzaioli, Rappoccio, Ronconi n.e. All: Francesco Ponticiello.
Tiri liberi: Omegna: 14/22; Napoli: 25/29
Arbitri: Barbiero di Milano e Calella di Bologna

di Paolo Amalfi

Ozzano (Bo). Entusiasmante vittoria del Cuore Napoli Basket, che inizia nel migliore dei modi le “Final 8” di Coppa Italia di serie B, qualificandosi per la semifinale di oggi, in programma alle 13.15, sul parquet dell’Unipol Arena di Casalecchio di Reno, dove affrontera’ il team laziale del Valmontone, che ha prevalso su Moncalieri (la differita del match andra’ in onda su Campania Felix alle 21). Gli azzurri vincono, 76-73, il quarto di finale con Omegna, compagine che ha dominato la prima parte di stagione del girone A. In doppia cifra per il Cuore Napoli Basket, ben 4 giocatori, ma tutta la squadra guidata dall’ottimo coach Ponticiello, merita un plauso per l’impegno profuso.
La Cronaca.
  Un primo quarto letteralmente dominato dai “Cestisti dal Cuore Azzurro”, che partono bene e finiscono meglio. Grande inizio soprattutto di Visnjic e Nikolic, infatti 19 punti dei 34 segnati, arrivano dalle loro mani. Nel secondo parziale, Omegna, riesce a rientrare nel punteggio, ma a fil di sirena gli azzurri trovano il canestro del +13. Al rientro dagli spogliatoi, la squadra lombarda si porta velocemente ad un possesso di distanza. Napoli però è brava a mantenere i nervi saldi, e grazie ad un ispirato Murolo, ed a un eccellente Mastroianni riesce a mantenere 6 punti di distacco, fondamentali in vista degli ultimi dieci minuti. Nell’ultimo tempo si continua a segnare poco, ma la difesa di Napoli è davvero presente. S. Bianchi e Simoncelli però puniscono dalla distanza e Omegna si porta a -1.Ad un 1’dalla fine. caparbiamente gli azzurri si portano sul +3 grazie al “layup” del sempre presente Visnjic. E da quel momento si inizia a sfidare la sorte con i liberi. Gasparin fa 1/2 e a rimbalzo Mastroianni non riesce a controllare il pallone. Per la regola del possesso alternato la palla va alla Fulgor. Gasparin va di nuovo in lunetta e fa di nuovo 1/2. A 5″ dalla fine Barsanti va dalla lunetta e fa 2/2. Omegna ha il tiro del pareggio tra le mani con Gasparin, ma non va. Vince Napoli. Questo il commento al match, di coach Ponticiello:”Sono contento ovviamente del successo ed ancor di più della prestazione. Abbiamo avuto un ottimo impatto sul match, lavorando forte in difesa e trovando tanti tiri aperti ed un buonissimo bilanciamento tra gioco interno e situazioni di spot up. In seguito siamo stati molto meno lineari, non solo nelle percentuali, quanto nelle scelte.Calando anche nella intensità difensiva. Negli ultimi 3′ di partita la differenza l’ha fatta però proprio la nostra grande intensità difensiva e la capacità di attaccare con accresciuta pazienza. Con Valmontone sarà un’altra battaglia, funzionale alla enorme motivazione di arrivare in finale e crescere nella interpretazione di partite dentro/fuori.”Paolo Amalfi

Comments

comments

Condivi il post su: