BASKET- GE.VI. NAPOLI, FANTASTICA! AZZURRI IN A2.

Campania Felix

12/06/2017

741 visualizzazioni

Bergamo Basket 2014 – Generazione Vincente Cuore Napoli Basket= 59 – 64 ( 10 – 14; 18-25; 41 – 44)

Bergamo: Pullazi 24, Berti 13, Milani 6, Panni 5, Chiarello 4, Bastone 4, Lauwers 3, Cazzolato, Planezio n.e., Bedini n.e. All.Ciocca
Napoli: Visnjic 31, Nikolic 11, Barsanti 9, Maggio 8, Marzaioli 3, Mastroianni 2, Ronconi, Murolo, Rappoccio, Matrone. All. Ponticiello
Tiri liberi: Bergamo: 8/14; Napoli: 16/22.
Arbitri: Perocco di Treviso e Almerigogna di Trieste
Spettatori 1000 circa con 600 persone provenienti da Napoli

di Paolo Amalfi

Fantastici! Eroici! La Generazione Vincente conquista la serie A2!. Un emozionante “triplete”: dopo la vittoria in Coppa Italia, quella nella stagione regolare, ora per gli azzurri, la grande impresa del salto di categoria, conquistato sul campo e nelle “Final Four” di Montacatini, battendo, 64-59, Bergamo. Dieci e piu’ fantastici giocatori che hanno lottato sempre per la maglia, uno staff tecnico di categoria superiore guidato dall’ottimo coach Ponticiello, premiato come miglior allenatore della serie B, ed una societa’ di grandi persone ed appassionati, con a capo un presidente passionale e caparbio come Ciro Ruggiero, che ha vinto alla grande la sua scommessa, dimostrando capacita’ ed amore per la pallacanestro e per la citta’. Napoli torna nel basket che conta e lo fa nel migliore dei modi, vincendo sul parquet. Nel match decisivo con i lombardi, un monumentale Visnjic con 31 punti, 9/14 al tiro e ben 13 rimbalzi catturati, ma tutta la squadra va elogiata per grinta, carattere e tanto “CUORE”.  La Cronaca. Le squadre si prendono subito tre tiri dalla distanza nei primi secondi del match, ma ci pensa Visnjic a sbloccare il punteggio. La difesa partenopea è perfetta, solo 2 punti concessi agli avversari nei primi 5′ di gioco. Maggio manda a bersaglio la tripla del +7, ma Chiarello prima e Berti poi riescono a portare Bergamo sotto di 3 lunghezze. A due minuti dalla fine del primo quarto però arriva il 2° fallo di Visnjic, ma ancora capitan Maggio guida i suoi con la seconda tripla del match. Il primo parziale si chiude con Napoli in vantaggio di 4 lunghezze..Dopo 13′ di gioco il punteggio rimane fermo sul 14-10 per Napoli, ma Bastone in tap-in riesce a riportare i suoi sotto di 2. Ci pensa Visnjic a guidare la squadra azzurra, 5 punti fondamentali per il numero 24, e Napoli continua ad amministrare il vantaggio. A 4′ dalla pausa lunga due giocate magistrali di firma serba, prima un rimbalzo (che sembrava perso) catturato da Visnjic e poi il grande uso del perno di Nikolic che realizza il +3. Da sottolineare le 3 stoppate di Mastroianni, che va anche a firmare il +7 Napoli in contropiede. Napoli e Bergamo non trovano più la via del canestro, ed il primo tempo si chiude con i partenopei avanti 25-18. Al rientro dopo l’intervallo lungo, Napoli parte contratta e dopo 1′ e 30″ si ritrova gli avversari ad un possesso pieno di distanza. Visnjic e Pullazi regalano un duello bellissimo, infatti i due lunghi sono gli unici a muovere il tabellino. Dopo 27′ di gioco, il numero 24 azzurro arriva già a quota 20 punti. Sempre Visnjic con un bellissimo gancio realizza il canestro del nuovo +5 Napoli, ma il solito Pullazi riporta i suoi sotto. Il terzo quarto si chiude con la Ge.Vi in vantaggio di soli 3 punti. Barsanti si sblocca da 3 punti e Visnjic si porta a quota 25. Gli azzurri si portano anche sul +8, massimo vantaggio della partita a loro favore. La Co.Mark però non molla, e con il solito Pullazi trova il canestro del -4, quando mancano esattamente 4′ al termine. Nel momento del bisogno, però, Marzaioli risponde presente con una tripla a dir poco fondamentale. Bergamo sfrutta il bonus e con i viaggi in lunetta di Panni, Milani e Pullazi riesce a portarsi sotto fino al -1. Ai partenopei serve muovere il tabellone, anche dalla linea della carità, e Barsanti fa 1/2. Ad 1′ dal termine Napoli è avanti di 2 con il possesso tra le mani, possesso concretizzato ancora da Visnjic, che regala il +4 agli azzurri con 44″ sul cronometro. Bergamo si porta a -2 con Berti.Si va dall’altra parte, con gli azzurri che vogliono chiudere il match: la palla è per Maggio che la consegna a Visnjic che mette la ciliegina sulla torta alla sua meravigliosa partita e regala il +4 a Napoli con 9″ sul cronometro. Milani sbaglia l’ultima preghiera e Napoli può esultare, è A2!.Paolo Amalfi

la festa della gevi napoli

Comments

comments

Condivi il post su: