BASKET SERIE B- IL CUORE NAPOLI BASKET, SI GODE UN’OTTIMA PRIMA PARTE DI CAMPIONATO. COACH PONTICIELLO: “LA SCONFITTA CONTRO LA CORAZZATA VALMONTONE CI AIUTERA’ A CRESCERE, MA ABBIAMO FATTO VERAMENTE UN’OTTIMA PRIMA PARTE DI STAGIONE”.

Campania Felix

21/12/2016

298 visualizzazioni

di Paolo Amalfi

Dopo qualche giorno di pausa, ed esattamente giovedi’ pomeriggio, la squadra del Cuore Napoli Basket riprendera’ gli allenamenti, che poi nuovamente interrompera’ in occasione delle festivita’ natalizie: il 29 dicembre, invece, e’ programmata una amichevole di beneficenza per il team azzurro caro a patron Ruggiero, in quel di Marigliano, contro il Palestrina. Prestigioso secondo posto in classifica nel girone C della serie B di basket maschile per Maggio e compagni, con ben 11 vittorie in 13 partite giocate e solo dopo la sconfitta di domenica sera nel big-match con la quotata Valmontone (89-97), ora capolista solitaria. Ai cestisti dal “cuore azzurro”, bastera’ ora conquistare due punti in una delle due prossime partite (si riprende il 4 gennaio in trasferta contro la Vis Nova Roma e poi l’8 ci sara’ il match interno con la Luiss Roma), per conquistare le prestigiose “Final eight” di Coppa Italia in programma a marzo a Bologna.Coach Ponticiello, analizza cosi’ lo stop con Valmontone e il momento del suo team: “Difficile commentare una sconfitta che chiude 3 mesi di campionato, invece fantastici. Nessuno a settembre avrebbe immaginato che solo negli ultimi 5 minuti di un confronto del genere, avremmo ceduto i due punti ed il primato a Valmontone. Onore e merito agli avversari, ma non siamo stati in grado di portare pienamente a compimento il piano partita e per questo siamo usciti sconfitti. Abbiamo concesso troppo in difesa, i 97 punti subiti ne sono la conferma, ed in attacco non abbiamo giocato con la consueta linearità. Non possiamo e non vogliamo nasconderci dietro l’esperienza degli uomini chiave di Valmontone o tirare in ballo le condizioni fisiche di Maggio, in campo solo per la sua straordinaria voglia e che, per non farlo raffreddare e rinunciare quindi definitivamente al suo apporto, non poteva essere sostituito. Questo è una sconfitta che, senza abbatterci, deve farci riflettere, migliorare e crescere. Anche perché nessuno avrebbe scommesso un solo euro sul fatto che a Natale avremmo avuto 10 punti di vantaggio sulla nona, che ci potesse bastare un successo per approdare alle “Final Eight” di Bologna. L’unico rammarico inerisce il dato di aver tirato solo 13 tiri liberi contro i 29 dagli avversari. Un qualcosa che valutato anche in considerazione dell’evidenza che siamo stati avanti per ben 35′ su 40, che diviene inquietante se parametrato con i nostri 4 usciti per falli nell’altro confronto perso, quello di due mesi fa a Barcellona. Ed il sottoscritto non è solito parlare di arbitraggi, è uno che può, con orgoglio vantarsi, di non commentare davvero mai le direzioni arbitrali.”Paolo Amalfi

Comments

comments

Condivi il post su: