BASKET SERIE A. JUVECASERTA, PARLA PATRON IAVAZZI: “

Campania Felix

24/12/2016

397 visualizzazioni

MI ASPETTO UNA REAZIONE DELLA SQUADRA A BRINDISI, DOPO LA BRUTTA FIGURA CON PESARO. PER IL FUTURO SOCIETARIO, ASPETTIAMO GLI SVILUPPI SUL CONSORZIO”

di Paolo Amalfi

Raffaele Iavazzi, patron della JuveCaserta, alla radio ufficiale del club casertano, ha parlato del momento del club bianconero e delle prospettive societarie per il futuro, affermando:”Sono molto arrabbiato per la prestazione della squadra di domenica. E’ stata una sconfitta che non mi sarei aspettato e onestamente quella di domenica era una partita che non si doveva perdere. Eppure, la prima cosa che ho detto durante tutta la scorsa settimana, è stata quella di non farci coinvolgere dalla festa per Oscar, visto che è un aspetto che non riguarda il campo. Sul parquet avevamo bisogno dei due punti per poter fare il salto di qualità e la squadra non ha risposto in tal senso.Sicuramente abbiamo avuto problemi con due giocatori importanti come Bostic (fuori per due settimane) e Czyz, ma abbiamo un roster di 11 giocatori e potevamo vincere tranquillamente anche senza di loro. Siamo entrati in campo scarichi e senza voglia di vincere. Spero che questa sconfitta serva di lezione: ora mi aspetto una reazione, martedi’ a Brindisi. Diciamo la verità: sul fronte societario era da qualche settimana che più nessuno credeva alla trattativa con la Fortune, a cominciare da me. Ieri abbiamo messo un punto alla situazione, ma solo dal punto di vista amministrativo. Siamo andati dal notaio, abbiamo azzerato il capitale sociale ed abbiamo ricostituito. Ora non hanno più nessun titolo nella JuveCaserta. Il Cda ha già dato mandato al legale per le azioni di reato.Vi confermo anche che il consorzio per rilevare il club, è già avviato. Il sindaco ha fatto un grosso sforzo a riunire intorno ad un tavolo una serie di aziende e per la fine dell’anno sicuramente chiederemo a loro una manifestazione di interesse e un contratto di sponsorizzazione per poi entrare nel merito nei primi giorni del 2017.Paolo Amalfi

Comments

comments

Condivi il post su: