Berlusconi: stanco persecuzione giudiziaria e fiducioso in Corte Strasburgo

Campania Felix

19/02/2017

376 visualizzazioni

 

Roma, 19 FEB. – “Io sono stanco, molto stanco, della persecuzione giudiziaria che mi colpisce da quando ho deciso di scendere in politica per salvare il mio Paese dalla presa del potere di una minoranza post comunista. Dopo decine di processi, milioni e milioni di spese giudiziarie, sono arrivati a una condanna assurda e iniqua nel metodo e nel merito, e – grazie a quella – a commettere un abuso ancora più grave: allontanarmi dal Parlamento in forza dell’applicazione retroattiva di una legge, la Severino. Non posso negare di aver avuto la tentazione di lasciar perdere tutto. Ma poi il mio senso di responsabilità ha prevalso. Sono certo che i giudici di Strasburgo decideranno secondo giustizia e non potranno quindi che darmi ragione. Spero che lo facciano anche tenendo conto – nel deciderne i tempi – di qual è la posta in gioco per la democrazia in Italia”.

Berlusconi: stiamo studiando piano importante contro povertà

Roma, 19 FEB. – “Sono sempre i più deboli a essere esposti alla tragedia della povertà, al dramma della disoccupazione, alla paura del terrorismo e dell’immigrazione clandestina, alle speculazioni avventate di alcune banche. Questa fascia di popolazione è molto ampia: 15 milioni significa il 25% degli italiani, di questi 4 milioni e mezzo in situazioni di povertà assoluta. Sono cifre intollerabili in un Paese civile. La soluzione grillina del reddito di cittadinanza è semplicistica, ma occorre dare una risposta al problema. È il nostro primo impegno. Stiamo studiando un piano importante che – partendo dagli studi per l’imposta negativa sul reddito del grande economista liberale e premio Nobel Milton Friedman – affronti in modo sostenibile la materia”.

Berlusconi: Pd trascura problemi veri degli italiani

Roma, 19 FEB. – “Davvero il problema principale dell’Italia è la controversia fra le correnti del Partito democratico? Mentre le condizioni in cui vivono molti connazionali sono sempre più difficili, tutto è incentrato su ciò che avviene nel Partito democratico, sulle probabilità che si realizzi o meno una scissione, sulle tattiche dei diversi capicorrente. Nessuno sembra preoccuparsi del fatto che tutte queste divisioni hanno un effetto paralizzante per l’attività del governo, e che i problemi veri degli italiani, la povertà, l’immigrazione, il lavoro, la sicurezza, continuano ad essere trascurati. E poi ci meravigliamo del dilagare dell’antipolitica”.

Lo dice il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervistato da Qn in merito a quanto avviene nel Pd.

Comments

comments

Condivi il post su: