C.F.G. – Centro di Formazione “LA GIOIOSA” promuove IL PROGETTO “PRIMI IN SICUREZZA”

Campania Felix

31/01/2019

228 visualizzazioni

(Anna Smimmo)- Si tratta di un progetto che, prendendo le mosse dall’esperienza maturata nella pratica e divulgazione delle “MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE E DI R.C.P.”, si articola in due fasi: prevenzione ed intervento.
Prevenzione: partendo da un’attenta ricognizione sul mondo che circonda un bambino, se ne individuano i potenziali pericoli, ponendo in essere tutti quegli accorgimenti necessari (frutto dell’esperienza ma, principalmente, del contributo del mondo scientifico –medico in particolare-): sono stati dunque individuati 5 apici: “sicurezza a nanna”, “sicurezza in strada”, “sicurezza in casa”,“sicurezza in acqua”, “sicurezza a tavola”.
Per ognuno di questi apici sono stati individuati dei “protocolli comportamentali” che rappresentano un’efficace elemento preventivo per scongiurare quegli incidenti domestici (soprattutto in età pediatrica) che possono avere esiti fatali.
Intervento: quali sono le tecniche di primo soccorso da porre in essere da parte di chi sia presente al momento in cui si verifichi un incidente domestico in età pediatrica: necessità di sapere “cosa fare” e “cosa NON fare”: le “MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE E DI R.C.P.” e “L’UTILIZZO DEL DEFIBRILLATORE”
MA PERCHE’ TUTTO QUESTO SIA EFFICACE E’ NECESSARIO UN REQUISITO FONDAMENTALE: LA CONOSCENZA DI QUANTO NECESSARIO DIFFUSA TRA IL MAGGIOR NUMERO DI PERSONE POSSIBILI.
QUALI TARGET?
Il Progetto “PRIMI IN SICUREZZA” è destinato a TUTTI, perché tutti possiamo trovarci nella malaugurata circostanza di dover intervenire per prestare i primi necessari soccorsi: il Progetto si rivolge a genitori, insegnanti, titolari di strutture sportive, gestori di mense e ristoratori, a tutti coloro che siano titolari o gestori di “punti di aggregazione collettiva”.
Ed allora il C.F.G. – Centro di Formazione “LA GIOIOSA”, Ente accreditato quale formatore di “Operatori BLSD” dalla Regione Campania ex D.D. 66 del 14/12/2018, ha deciso di iniziare (con un’azione di contatti a 360°) una campagna per illustrare (con propri Istruttori Nazionali) e divulgare le tecniche di prevenzione del Progetto “PRIMI IN SICUREZZA”, nonché insegnare, in modo totalmente gratuito, le prime “MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE E DI R.C.P.”; con i propri Istruttori, il Centro si reca presso associazioni, palestre, strutture della P.A., aziende, scuole organizzando eventi gratuiti nel corso dei quali, con l’ausilio di appositi manichini e materiale audio-video, dapprima rappresenta le misure di “prevenzione” (illustrando i potenziali pericoli di carattere ambientale) e poi insegna (con esercitazioni pratiche da parte degli astanti) COSA FARE e COSA NON FARE in caso di sopravvenuti elementi di complicanza da incidenti domestici (MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE E DI R.C.P.).
ULTERIORE ELEMENTO DI GRANDE QUALITA’, è dato, altresì, dalla presenza di Personale Sanitario (Medico e Infermieristico) altamente specializzato nell’ “Area delle Emergenze” che, sulla scorta delle esperienze professionali agite, illustra, con dignità altamente scientifica, le complicanze derivanti dall’ostruzione delle vie aeree, secondo i Protocolli Internazionali. Nel corso degli incontri, illustrerà e fornirà ogni risposta esaustiva alle domande, frequentemente, formulate dai presenti.
In questo caso l’investimento ( salvare una vita concorre a salvare il mondo e a preservare “un buono stato di integrità e di salute” della collettività ) è dato dalla illustrazione ed insegnamento “gratuiti” di quanto previsto dal Progetto “PRIMI IN SICUREZZA” (prevenzione e corretto esercizio delle manovre di disostruzione delle vie aeree e rianimazione cardio-polmonare); cui, in caso di richiesta di formazione di “OPERATORI B.L.S.D.” (abilitante all’uso del Defibrillatore), fa seguito il corso di formazione a tanto deputato con rilascio di patentino riconosciuto dalla Regione Campania.
L’importanza del segmento in cui opera il C.F.G. – Centro di Formazione “LA GIOIOSA”, è stata recentemente confermata anche dalle utime disposizioni ministeriali in materia, ove, con il cd. “decreto Balduzzi” è stata determinata obbligatorietà non solo di defibrillatore, ma anche di operatori B.L.S.D., presso tutte “le strutture a ricezione collettiva” quali, p.es., scuole, supermercati, palestre, sale cinematografiche e simili.
Una capillare azione di informazione è alla base di una “rete di prevenzione” che, attraverso un sempre maggior numero di persone addestrate e, nel caso formate, possa rappresentare un argine concreto a tragedie che troppo spesso sconvolgono la vita di una famiglia e di una comunità!
E’ così che il C.F.G. – Centro di Formazione “LA GIOIOSA”, ha deciso di operare, ed opera, coniugando il “la salvaguardia della vita” con l’ “investimento sul futuro”, ponendo le proprie competenze a servizio e a supporto della collettività.

Comments

comments

Condivi il post su: