COLDIRETTI: KM ZERO ANCHE NELLE MENSE DI SCUOLE E OSPEDALI

Campania Felix

08/12/2016

420 visualizzazioni

AGRIMERCATO NAPOLI RICONFERMA IL PRESIDENTE LUIGI CACCIOPPOLI

“La vendita diretta ha cambiato la cultura dei consumatori. In tre anni abbiamo portato l’educazione alimentare sulle tavole dei napoletani”. È il commento di Luigi Caccioppoli dopo la riconferma alla presidenza di AgriMercato Napoli, l’associazione degli agricoltori di Coldiretti che organizza e cura i mercati di Campagna Amica.

“I gazebo gialli sono ormai una realtà consolidata – commenta Salvatore Loffreda, direttore di Coldiretti Campania e Napoli – capace di arricchire di colori e sapori le piazze delle nostre città, piccole e grandi. Quest’anno la Regione Lombardia ha inserito nel Sussidiario delle Elementari una pagina dedicata al chilometro zero, con una foto che ritrae un mercato di Campagna Amica. Persino su un numero di Topolino si parla della vendita diretta degli agricoltori”.

“Questo dicembre – sottolinea Caccioppoli – rappresenta il punto di massima presenza dell’ultimo triennio. Campagna Amica conta in questo mese 26 appuntamenti tra Napoli e provincia, a cui si aggiungono 6 presenze importanti nei mercatini di Natale al centro della città. È il punto di arrivo di un percorso non scontato. A Napoli forse abbiamo ottenuto le soddisfazioni più grandi. Chi vive in una grande città, infatti, è meno abituato ad un rapporto diretto con l’agricoltura. Ricordo all’inizio gli sguardi diffidenti di chi vedeva il terreno vicino all’insalata e alle verdure, oppure la frutta con qualche imperfezione o più opaca rispetto a quella uniforme e incerata dei supermercati. Ora hanno capito che l’insalata non è sporca ma genuina e consegnata in un tempo zero che non permette manipolazioni. La diffidenza si è trasformata in fiducia, apprezzando l’alta qualità e la sicurezza alimentare ad un prezzo ragionevole. Un boom che continua a crescere e che ha rappresentato un richiamo per i giovani, che oggi guardano con passione al lavoro in agricoltura. Facciamo un appello agli Enti pubblici affinché diano fiducia agli agricoltori, rifornendo ad esempio mense scolastiche ed ospedali con prodotti a chilometro zero”.

Comments

comments

Condivi il post su: