CONSOLATO RUSSO, INCONTRO TRA RAGAZZI RUSSI E CAMPANI ALL’OSSERVATORIO DI CAPODIMONTE PER CELEBRARE GAGARIN

Campania Felix

15/04/2019

65 visualizzazioni

(Anna Smimmo)- Proseguono gli interscambi culturali tra la Federazione Russa e la Campania. Ieri è stato celebrato il 58esimo anniversario del primo uomo nello spazio, ovvero il cosmonauta russo Jurij Gagarin. Presso l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, dove da due anni è presente il mezzo busto di Gagarin, il Consolato onorario della Federazione Russa in Napoli, guidato del console onorario Vincenzo Schiavo, ha organizzato una visita con la partecipazione di oltre 100 bambini e ragazzi della folta comunità russofona presente in Campania. L’iniziativa, realizzata grazie all’importante sostegno dell’Osservatorio nella persona della direttrice Marcella Marcone, ha visto l’intreccio di culture Russa e italiana, dal momento che vi hanno partecipato anche alcuni ragazzi italiani e gli alunni della scuola “Globus”, che in Campania tiene “viva” la lingua russa nella nostra regione.
I ragazzi russi si sono altresì esibiti in canti popolari della propria terra, promuovendo l’interscambio tra culture.  «È stata una giornata di confronto e di inclusione – afferma il console russo in Napoli Vincenzo Schiavoin un luogo incantevole, colmo di scienza e tecnologie, una assoluta eccellenza in Italia e in Europa. Da quando abbiamo messo il mezzo busto di Jurij Gagarin, ogni anno celebriamo, la domenica seguente, con grande partecipazione, l’evento del 12 aprile 1961, quando il primo uomo, il russo Gagarin, compì per la prima volta nella storia un’intera orbita attorno alla Terra a bordo della navicella Vostok. È stata l’ennesima occasione per consolidare i rapporti tra la Campania e la Federazione Russa da anni ormai fortificati e privilegiati. Il nostro ufficio consolare promuove iniziative del genere perché per noi è importante mettere in luce il percorso storico russo che è fortemente presente anche sul nostro territorio. Per il futuro – conclude Schiavo – contiamo di organizzare anche convegni sui questi temi, sviluppando nuove e fruttuose opportunità di interscambio tra le nostre culture».

 

Comments

comments

Condivi il post su: