CRISI DA COVID-19 ASSOCIAZIONI PARTENOPEE UNICEF ED IMPRESE IN CAMPO DURANTE LE FESTIVITA’PER LA DONAZIONE DÌ GENERI ALIMENTARI GIOCHI E MASCHERINE

Campania Felix

31/12/2020

80 visualizzazioni

Ogni scarto è figlio di Dio. Cit.
Quanta verità in queste parole, una riflessione che da sempre Papa Francesco ci invita a fare. Per
una settimana intera, abbiamo distribuito derrate alimentari,giocattoli, mascherine e tanto altro,
grazie alla sensibilità di tanti imprenditori che con le difficoltà del momento non hanno esitato a
donare. Lo fanno da sempre e non solo durante le festività. Arrivare nelle case delle persone e
guardare gli occhi lucidi per un gesto che ha dato molto più a me che a loro, credetemi è il miglior
modo per vivere il Natale. Un sostegno alle famiglie in difficoltà che va dai giocattoli di Pino Neri
dell’azienda Nemi Giocattoli, ai dolciumi di Crispo con Gianfranco Crispo e ai panettoni del Gallo di
Ciro Verde, alle derrate alimentari di Alma distribuzione di Alfonso Di Tuccio al video libro di fiabe di
Veronica Maya, vero nutrimento della mente e dello spirito, anche la D’Avino zuccherificio ha avuto
un ruolo attivo e non ha fatto mancare il suo supporto, continuando la mission del titolare scomparso
qualche anno, Francesco D’ Avino. Le mascherine di Roca Mask grazie a Raffaele Veneziano che
ha fatto da ponte con l’azienda. Le mascherine ormai hanno un peso importante nel bilancio
famigliare. Avicola Scala ha donato una gallina e 20 uova per 40 famiglie, Pastificio Di Martino la
pasta di Gragnano e il Caseificio Corso le mozzarelle. Tutto distribuito grazie alla Co.ni.ta. e a
Pasquale Caputo, un mondo che si muove sempre e non solo due volte all’anno. Cosi
Rosa Praticò
Responsabile delle donne che fanno impresa di Confesercenti Napoli provincia Avellino e
Benevento, Presidente di Officina delle Idee e Vice Presidente Nazionale di
maipiuviolenzainfinita
. In questo 2020,anno di una pandemia devastante, il Natale non poteva non
avere una attenzione particolare soprattutto da parte di chi si occupa di infanzia e di adolescenza .
Purtroppo i diritti dei bambini non sono tutti uguali, ci saranno case con luci,giochi e sapori, ma ci
saranno case in cui mancherà anche il sorriso. Ringrazio Rosa Praticò, che ha portato al mondo
dell’imprenditoria la riflessione dell’UNICEF e ringrazio gli imprenditori che senza esitare hanno
donato giochi e dolciumi e tanto altro. Parte di questi giochi andranno al comitato di Caserta
promotore dell’iniziativa “Scrivo anche per te”. Una lettera a Babbo Natale dove i bambini dai 6 ai 9
anni hanno scritto per chiedere non solo un gioco per se ma anche per un bambino “sconosciuto”.
E gli imprenditori non hanno esitato ad aiutare l’Uomo della slitta, per accontentare i bambini! Io
stessa sono stata incoraggiata a scrivere una lettera a Babbo Natale. Così dopo tanti anni l’ho fatto
e ho chiesto per me e per i miei amici adulti l’aiuto a conservare la parte di bambino che si trova in
ognuno di noi. Solo così riusciremo veramente a capire sempre di più i nostri piccoli amici,
incoragiandoli a non smettere mai di credere e costruire un mondo migliore. Cosi
Emilia Narciso,
Delegato UNICEF per l’emergenza Covid in Campania
. Voglio ricordare una iniziativa molto bella
voluta dai giovani volontari dell’UNICEF, i ragazzi di Younicef e dal servizio civile di UNICEF il
“regalo sospeso “. In un tempo sospeso come quello vissuto sopratutto dai giovani sono loro che ci
chiedono una offerta per consentire a UNICEF di donare giochi a Case Famiglie e Ospedali. E allora
forza rispondiamo numerosi al loro appello alla solidarietà. Queste le parole della storica
Presidente
UNICEF
,
Margherita Dini Ciacci
. Presente all’iniziativa anche il
Portavoce della Consulta
Nazionale per l’Agricoltura e Turismo, Rosario LOPA .
+

Comments

comments

Condivi il post su: