Elezioni. 10 Volte Meglio: “300mila posti di lavoro dallo sviluppo sostenibile” Tra i candidati Stefano Milanese, esperto di tecnologie per l’ambiente

Campania Felix

25/01/2018

207 visualizzazioni

Verona, 23 gennaio 2018 – “300 mila nuovi posti di lavoro dal settore dell’ambiente e dell’energia perché è possibile rigenerare il nostro Paese a partire dall’energia pulita e dalla difesa del territorio. Non a caso abbiamo tra i nostri fondatori e candidati Stefano Milanese, esperto di tematiche ambientali e di tecnologie al servizio dell’energia sostenibile” – spiegano da 10 Volte Meglio.

“Siamo un movimento politico – aggiungono – che punta sui giovani, che ha una prospettiva di futuro e che crede nelle potenzialità di un paese meraviglioso come l’Italia, troppo spesso utilizzato è ‘spremuto’ a uso e consumo dei cittadini che poi sono i primi a pagare il prezzo di una natura che si riprende i suoi spazi. È possibile, invece, fare dell’uso sostenibile del territorio e dell’energia rinnovabile un punto di forza della nuova economia, come accade negli altri Parsi europei a partire dalla Germania, e un settore in cui far nascere nuovi posti di lavoro”.

“La nostra ricchezza – concludono – è che tra i 20 fondatori del nostro gruppo politico abbiamo capacità e anime diverse ma soprattutto una visione forte di insieme. Anche questo è un nuovo modo di fare politica, non un partito personale ma l’opposto: un’anima e valori condivisi da tante persone che portavano avanti il progetto”.

Stefano Milanese ha lavorato per oltre 16 anni nelle società di consulenza Arthur D. Little e MWH, prima in Inghilterra e poi in Italia occupandosi di sostenibilità, rischi industriali e innovazione. In precedenza aveva lavorato al centro Ricerche Fiat nella divisione Sviluppi Internazionali e Tecnologie e aveva collaborato con istituti di ricerca per la valutazione economica, sociale e ambientale dei processi industriali e commerciali. formativo. Ha partecipato come investitore e mentore in numerose start up tecnologiche innovative.

Comments

comments

Condivi il post su: