“Gli amanti di Modena” dopo 10 anni: erano due uomini.

Campania Felix

13/09/2019

82 visualizzazioni

(Anna Smimmo)- Così deposti, mano nella mano, in una tomba di epoca tardo-antica (IV-VI secolo) fecero subito pensare a una coppia di amanti. Ma 10 anni dopo il loro ritrovamento nella necropoli di Modena, l’Università di Bologna ha svelato il sesso dei due sepolti insieme. Si tratta di due uomini. “Allo stato attuale non si conoscono altre sepolture di questo tipo, – spiega Federico Lugli, ricercatore dell’ateneo bolognese. – In passato sono state trovate diverse tombe con coppie di individui deposti mano nella mano, ma in tutti i casi si trattava di un uomo e di una donna. Quale fosse il legame tra i due individui della sepoltura modenese resta per ora un mistero”.

Nell’analisi, pubblicata su Scientific Reports, gli scienziati hanno utilizzato una tecnica che permette di determinare il sesso di un individuo da particolari proteine nello smalto dei denti. L’esito – cioè che entrambi gli “amanti di Modena” erano di sesso maschile – per i ricercatori rende ancor più particolare questa tomba, dal 2014 al Museo civico archeologico etnologico di Modena.

Comments

comments

Condivi il post su: