Il Consiglio di Stato ammette i somministrati della Sanità alle procedure di concorso riservate Buonavita e Barilà (Cisl Campania): resa finalmente giustizia a migliaia di lavoratori precari

Campania Felix

12/12/2020

76 visualizzazioni

“Dal Consiglio di Stato arriva finalmente il giusto riconoscimento alle istanze delle migliaia di lavoratori somministrati della Sanità”. Doriana Buonavita, Segretaria Generale della Cisl Campania, e Luca Barilà, Segretario Generale della Felsa Cisl Campania, esprimono soddisfazione all’indomani della pubblicazione dell’ordinanza del Supremo consesso che riconosce il diritto di questi lavoratori ad essere ammessi alle quote di riserva, nella misura del 50 per cento dei posti disponibili, nell’ambito delle procedure di stabilizzazione avviate ai sensi della Legge Madia.
“La pronuncia – spiegano i sindacalisti – rende merito al certosino ed incessante lavoro portato avanti dalla Cisl e dalla Felsa, insieme alle altre Categorie dell’Organizzazione interessate, sia a livello nazionale che locale, facendo seguito alle azioni di mobilitazione promosse dalla Felsa Nazionale, nella persona del Segretario Generale Mattia Pirulli, e dalle altre sigle di rappresentanza dei somministrati e supportate con forza dalla Cisl Nazionale, che hanno portato ad aprire dopo anni una interlocuzione concreta con il Ministero della Salute”.
“Spiace aver dovuto attendere un intervento giurisprudenziale – concludono Buonavita e Barilà – per affermare il legittimo diritto maturato in tanti anni di precariato. La sentenza emanata nei confronti dell’Ospedale di Caserta dovrà ora trovare riscontro in precise linee guida da parte del Ministero e della Regione Campania, affinché venga concretamente applicata nei bandi di concorso in essere ed in quelli di prossima pubblicazione, ammettendo i somministrati alle procedure riservate in modo da valorizzare la loro professionalità ed esperienza”.

Comments

comments

Condivi il post su: