Ipssart Teano-Cellole, “NO” alla Violenza sulle Donne. 

Campania Felix

26/11/2019

365 visualizzazioni

CELLOLE/TEANO- (Anna Smimmo) – L’Alberghiero de Mare di Borgo  Centore, magistralmente diretto dal Dirigente Scolastico Prof.ssa Annamaria Orso, ha aderito all’attivismo contro la violenza di genere sotto l’egida di “Orange the World”, questo il nome della campagna che si terminerà il 10 dicembre, “Giornata Internazionale dei Diritti Umani”.

 La campagna Orange the World, promossa da UN Women promuove infatti una strategia condivisa volta a prevenire ed eliminare ogni forma di violenza contro le donne del Mondo. Il colore arancione vuole rappresentare un futuro più luminoso, libero da tale violenza che rappresenta una violazione dei diritti umani.

Sarà questa unazione di sensibilizzazione di alto significato simbolico per tutte le Istituzioni e la società civile che sono coinvolte nel lungo e difficile percorso di conoscenza, prevenzione e contrasto di questo tragico fenomeno sociale, nella consapevolezza che, insieme, si possa fare molto.

Il progetto «panchine rosse» degli ‘Stati Generali delle donne’, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sul tema della violenza contro le donne, è stato vincitore del bando indetto nel 2017 dal Ministero delle Pari opportunità e consiste nel dipingere di rosso alcune panchine dislocate nei parchi e nelle vie delle città, nel centro come in periferia in ricordo delle donne vittime di femminicidio. Tutte le panchine riportano il numero nazionale antiviolenza 1522 perché, oltre che un momento di riflessione, vogliono essere uno strumento utile per indicare, a chi ne avesse bisogno, come iniziare un percorso di fuoriuscita dalla violenza. Anche sulla panchina rossa nel cortile della Camera verrà affissa una targa che riporta questo numero.

Aderendo a queste due importanti campagne di sensibilizzazione, l’Istituto Alberghiero Teano-Cellole vuole confermare il proprio convinto impegno per la promozione dell’uguaglianza di genere e per la lotta contro ogni forma di discriminazione e violenza contro donne.

Comments

comments

Condivi il post su: