LA COMUNITÀ ELLENICA DI NAPOLI E DELLA CAMPANIA CONDANNA LA CONVERSIONE IN MOSCHEA DELLA BASILICA DI SANTA SOFIA

Campania Felix

17/07/2020

115 visualizzazioni

 

 

CONVERSIONE DELLA BASILICA DI SANTA SOFIA, LO SDEGNO DELLA COMUNITA’ ELLENICA NAPOLETANA
08:54

Bellumori Claudio – TCL

 

 

 

 

 

La Comunità Ellenica di Napoli e Campania esprime il proprio sdegno per la recentedecisione del governo turco di convertire in moschea la Basilica di Santa Sofia ad Istanbul.
“La Basilica di Santa Sofia, nel suo status di museo, era il simbolo di laicità dello Stato turco oltre che di convivenza pacifica tra religioni ed etnie, non solo in Turchia ma nel mondo intero”
, dichiara  Paul Kyprianou
, Presidente della Comunità.

La sua conversione in moschea è un atto provocatorio che lede i sentimenti religiosi del mondo cristiano, in particolare dei Greci i quali sono legati spiritualmente a tale monumento. Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan avrebbe dovuto usare più
“sapienza’, ispirandosi così al nome stesso di questo monumento patrimonio mondiale dell’Umanità, e lasciare immutato lo status della Basilica, nel nome della convivenza e fratellanza tra popoli”
, prosegue Kyprianou, “  invece di usarlo come strumento politico per compiacere i suoi seguaci. La Comunità Ellenica di Napoli e
Campania esprime profonda preoccupazione per quanto sta accadendo in Turchia, dove la deriva islamico-nazionalista fomentata dal Presidente Erdogan rischia di innescare conflitti nella regione del Mediterraneo Orientale, con conseguenze
nefaste per il mondo intero”, conclude Paul Kyprianou.
Completata nel 537 d.C. durante il regno dall’Imperatore bizantino Giustiniano, la basilica di Santa Sofia è stata cattedrale greco-ortodossa, sede del Patriarcato di Costantinopoli, nonché luogo principale per le cerimonie imperiali dei reali bizantini.
Nel 1453, anno in cui la città cadde nelle mani degli Ottomani, la basilica fu convertita in moschea e funzionò come tale fino al 1931 per essere trasformata in museo qualche anno dopo.
Comunità Ellenica di Napoli e della Campania

Comments

comments

Condivi il post su: