Marciano/Amato: NAPOLI- Citta’ della Scienza, possibile ulteriore contributo straordinario in legge bilancio 2019

Campania Felix

21/09/2018

189 visualizzazioni

Napoli, 21 settembre 2018 – (Anna SMIMMO) – “Seguiamo con attenzione le difficolta’ che sta attraversando Città della Scienza e che, nonostante le misure finora messe in campo, non sono state ancora del tutto superate”.
E’ quanto affermano i consiglieri regionali del Pd, Vincenza Amato e Antonio Marciano.
“E’ nostra volontà continuare a lavorare insieme con la Giunta regionale affinchè Città della Scienza, una delle realtà più significative di Napoli e della Campania, superi definitivamente una situazione di crisi che permane da tempo,cio’ sia per garantire la tranquillità dei lavoratori sia perchè non possiamo immaginare che un polo scientifico di tale rilevanza disperda la sua straordinaria potenzialità per problemi di natura finanziaria e gestionale” – aggiungono Amato e Marciano – per i quali
“va ricordato che, in questi mesi, la Giunta Regionale ha adottato importanti decisioni a sostegno della Fondazione, portando da 2 a 3 milioni di euro, per tre anni, il contributo ordinario, in occasione dell’approvazione del Collegato alla Legge di stabilita’ , e disponendone il Commissariamento al fine di fare chiarezza sulla sua situazione debitoria e, dunque, contribuire al suo rilancio”.
“Inoltre – proseguono Amato e Marciano – abbiamo lavorato come maggioranza affinché, di fronte alle risultanze del lavoro del commissario, si desse maggiore sostegno rispetto a quanto dovuto ordinariamente. È evidente – sottolineano – che ad un contributo straordinario deve corrispondere un piano industriale capace di rilanciare l’azione di Città della Scienza e ripristinare una gestione finanziaria e contabile che garantisca la continuità del polo scientifico e delle sue attivita’ e la serenita’ dei lavoratori.
Rispetto a questo e alla richiesta del Commissario di un ulteriore sforzo da parte della Regione Campania – concludono Amato e Marciano – siamo impegnati con la Giunta a verificare la possibilità di utilizzare gli strumenti di legge di prossima approvazione, a partire dalla Legge di bilancio 2019, per garantire un ulteriore contributo necessario alla vita della fondazione”.

Comments

comments

Condivi il post su: