Napoli: Assistenza scolastica e trasporto alunni disabili in commissione Welfare

Campania Felix

10/10/2018

135 visualizzazioni

La commissione Welfare, presieduta da Maria Caniglia, ha incontrato
oggi l’assessora al Welfare Roberta Gaeta ed ha fatto il punto
sull’assistenza scolastica e sul trasporto per gli alunni disabili.
Nel corso della riunione, sono stati approfonditi anche i problemi
connessi al riparto dei fondi regionali che finanziano in particolare
l’assistenza specialistica ed il trasporto nelle scuole superiori.

Si tratta, ha spiegato l’assessora Gaeta, di un insieme di attivit√
che il Comune svolge attingendo a fonti di finanziamento diverse e
secondo differenti modalità organizzative. Innanzitutto, per le scuole
materne comunali e per gli istituti comprensivi il Comune cura,
attraverso la società in house Napoli Servizi, nella quale sono
confluiti i lavoratori della Napoli Sociale, l’assistenza scolastica
agli alunni disabili ed il trasporto. L’intero settore ha vissuto
momenti drammatici perché un temporale estivo ha fatto saltare ben 17
computer che custodivano i progetti presentati dalle scuole, in base
ai quali il servizio viene predisposto; grazie al lavoro di queste
settimane del servizio competente e di Napoli Servizi, la situazione è
stata ricostruita. Il dato evidente, ha spiegato l’assessora Gaeta,
√® che quest’anno, rispetto all’anno scorso, c’√® stato un sensibile
aumento di richieste per l’assistenza scolastica da parte delle scuole
materne. Sono circa 267 gli OSA (operatori socio assistenziali) che
Napoli Servizi destina alle circa 70 scuole che hanno presentato
progetti per i loro alunni. Alle 9 scuole materne che si sono aggiunte
quest’anno, per ora sono stati destinati 3 operatori, ma Napoli
Servizi sta riorganizzando personale ed attività. Alle esigenze di
trasporto disabili, sempre di scuole materne e istituti comprensivi,
Napoli Servizi mette a disposizione 11 pullmini (di cui 10 con pedana)
e circa 50 sono gli alunni che usufruiscono del servizio.
L’assistenza specialistica ed il trasporto per gli studenti delle
superiori – finora sono 65 i progetti presentati dalle scuole – fanno
parte di un altro settore di intervento. A differenza dello scorso
anno, la Regione Campania ha finora ripartito il 70% dei fondi (a
Napoli spettano circa 565mila euro) ma non ha liquidato le somme,
mentre l’anno scorso la liquidazione era avvenuta il 22 settembre. Con
le economie dello scorso anno, circa 14 progetti sono comunque
partiti. Per il trasporto, le famiglie che per il momento stanno
anticipando la spesa saranno rimborsate non appena la Regione metter√
concretamente a disposizione i fondi che, per il momento, ha concluso
l’assessora Gaeta, sono solo “sulla carta”.
La commissione, ha concluso la presidente Caniglia, torner√
sull’argomento oggi affrontato una volta che sar√† in possesso degli
ulteriori dati richiesti, in particolare relativi al numero di bambini
della materna ancora privi di assistenza scolastica e al numero
complessivo delle richieste da parte delle scuole superiori di
assistenza specialistica.

Comments

comments

Condivi il post su: