Ospedale di Pozzuoli – Inaugurazione nuovo reparto di Urologia Contestazioni al Presidente De Luca impediscono anche l’accesso all’ospedale

Campania Felix

28/02/2018

711 visualizzazioni

Pozzuoli, 28 febbraio 2018 – Si è tenuta oggi l’inaugurazione del nuovo reparto di Urologia dell’Ospedale Santa Maria delle Grazie. Una struttura di eccellenza che l’ospedale attendeva da 10 anni e che permetterà di evitare a tanti cittadini campani di andare fuori regione per curarsi. Nel corso della giornata, prima che iniziassero i discorsi pubblici che erano stati programmati, un gruppo di manifestanti ha occupato l’entrata dell’ospedale cercando di impedire che il Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca, il Direttore Generale dell’ASL Antonio d’Amore e il Sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia potessero portare il proprio saluto istituzionale. La protesta ha impedito di fatto per alcuni minuti che i cittadini potessero accedere e uscire dall’ospedale attraverso l’entrata principale. Solo l’intervento dei carabinieri, della polizia e delle guardie giurate ha permesso lo svolgimento degli interventi dei relatori.

Dice Antonio d’Amore, Direttore Generale dell’ASL Napoli 2 Nord – “L’episodio di oggi è una grave offesa alle comunità che hanno come punto di riferimento questo ospedale e che attendono da anni l’introduzione di questo servizio; è un’offesa ai cittadini cui oggi è stato anche impedito di accedere all’ospedale dalla violenza di alcuni manifestanti; è un’offesa ai sanitari e ai professionisti che con serietà e sacrificio lavorano pe assicurare i servizi alla gente. È con grandissima amarezza che una giornata di festa per tutti sia diventata per la prepotenza di qualcuno un’occasione per urlare insulti. Purtroppo per fare la buona sanità dobbiamo scontrarci anche contro queste realtà.”

Ospedale Santa Maria delle Grazie

Le caratteristiche del nuovo reparto di Urologia

IL NUOVO REPARTO DI UROLOGIA DI POZZUOLI

Il nuovo reparto di Urologia del Santa Maria delle Grazie, atteso da quasi dieci anni, è stato realizzato in otto mesi di lavoro e si articola su 450 metri quadri. I quindici posti letto che sono disponibili nella nuova struttura permettono di superare la carenza che la UOC Urologia del Santa Maria delle Grazie ha sempre lamentato, potendo contare ad oggi solo su sei posti letto. Finora in molti casi, per ovviare a tale carenza, i pazienti dell’Urologia venivano “appoggiati” in altri reparti dell’ospedale. La UOC Urologia di Pozzuoli ha fatto un ampio uso di tecnologie innovative, la nuova struttura rappresenta un ulteriore passo avanti in tal senso potendo contare su:

– Una sala operatoria per il Day Surgery interna al reparto

– Uno “stone center”. Centro per la calcolosi basato sul trattamento di lotrisia extracorporea (bombardamento dei calcoli)

– Una rete wifi per la consultazione e la gestione delle cartelle cliniche dei pazienti mediante tablet in dotazione al personale sanitario

– Cartelle cliniche informatizzate dei pazienti, integrate coi sistemi informativi della diagnostica così da allertare in modo automatico i sanitari circa problemi emergenti. Questo sistema permette anche una maggiore velocità nella ricezione degli esami e quindi nella messa a punto della terapia. L’accesso telematico a tali cartelle è reso possibile ai medici di famiglia così da permettere un passaggio di informazioni tra l’ospedale e il territorio.

– Un sistema di somministrazione informatizzata dei farmaci basato sull’utilizzo di uno speciale carrello capace di identificare digitalmente il paziente mediante un braccialetto e di azzerare gli errori nella gestione della terapia.

– L’UOC Urologia potrà contare a breve sul robot chirurgico in arrivo presso l’ospedale di Pozzuoli

Nella realizzazione del nuovo reparto è stato prestato particolare riguardo al comfort dei pazienti. Ogni posto letto è dotato di un televisore dedicato ascoltabile solo mediante l’uso degli auricolari. Inoltre, una tisaneria è a disposizione dei pazienti, così da poter preparare bevande calde.

LE ATTIVITÀ DEL REPARTO

Il reparto di Urologia del Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli si è affermato come un’eccellenza in Campania e nel Mezzogiorno per le tecniche utilizzate. Nonostante i soli 6 posti letto di cui ha avuto la disponibilità fino ad ora, il reparto realizza ogni anno circa 700 interventi di cui circa il 70% inerenti patologie oncologiche. Presso tale struttura si utilizzano:

– la chirurgia laser, circa 200 interventi l’anno effettuati. Oltre 1500 interventi realizzati dalla struttura con tale tecnologia dall’avvio delle attività;

– la tecnologia microper – si tratta di un ago dotato di sistema di visione e di laser chirurgico che permette la frantumazione dei calcoli renali, attraverso un accesso percutaneo;

– la biopsia fusion – un sistema di biopsia estremamente puntuale, realizzato avvalendosi di una composizione di immagini prodotte dalla Risonanza Magnetica e dall’ecografia;

– tutti gli interventi oncologici alla prostata, alla vescica e ai reni sono realizzati con tecniche di endoscopia 3D.

L’ampio utilizzo delle tecnologie laser permette un ridotto sanguinamento anche per interventi complessi e una riduzione dei giorni di degenza dei pazienti. Il reparto è diretto dal dott. Giovanni Di Lauro.

CURARSI FUORI REGIONE SIGNIFICHERÀ SCEGLIERE DI CURARSI PEGGIO

Il nuovo reparto di Urologia di Pozzuoli assicurerà servizi di eccellenza anche nel collegamento coi medici di famiglia dell’ASL Napoli 2 Nord, permettendo così una continuità terapeutica del paziente a casa sua. La cartella clinica del paziente trattato in urologia, infatti, sarà visibile anche al medico di medicina generale dell’assistito, così da permettergli di ricevere informazioni su terapie e stato di salute. Questa modalità di lavoro di forte integrazione tra ospedale e territorio, unita all’assoluta eccellenza tecnologica del reparto e alle elevate capacità degli operatori fanno sì che per i pazienti dell’ASL Napoli 2 Nord scegliere di curarsi presso qualsiasi altro reparto di urologia italiano significherà scegliere di curarsi in una condizione peggiore.

Comments

comments

Condivi il post su: