PAUPISI-Il Sindaco Antonio Coletta: “La Sagra del Cecatiello è il nostro evergreen”

Campania Felix

21/08/2019

128 visualizzazioni

Paupisi – (Anna Smimmo) – “46 anni e non dimostrarli , la Sagra del cecatiello è il nostro evergreen, l’evergreen di tutti i paupisani. Un evento unico nel suo genere che trascende il normale concetto di sagra paesana per diventare appuntamento con autentica enogastronomica di qualità, ospitalità di livello e intrattenimento per tutti i gusti e per tutte le età”. Così il sindaco di Paupisi Antonio Coletta interviene a pochi giorni dal taglio del nastro del Festival dei Sapori e degli Artisti di Strada – 46^ Sagra del Cecatiello in programma il 23-24-25-26 agosto ed organizzato dalla Pro Loco di Paupisi in sinergia con il Comune di Paupisi e patrocinata dalla Regione Campania. ​ “E’ sicuramente uno degli eventi estivi più importanti ed attesi del Sannio ed anche più conosciuto a livello regionale. – continua il sindaco Coletta-. Rinomato per la dovizia del suo menù, per la scelta dei prodotti freschi cucinati al momento e a vista, per l’ottimo olio extravergine di oliva utilizzato nelle cucine e l’abbondanza dei vini Aglianico e Falanghina delle terre Paupisane, ​ l’evento si propone al visitatore ogni anno migliorato sotto il punto di vista dell’accoglienza. Il protagonista assoluto sarà, come sempre, il ‘cecatiello’, un tipo di pasta fresca mutuata dall’antica tradizione contadina, in cui l’incontro tra acqua delle fonti paupisane e farina, dà luce ad un’autentica opera d’arte culinaria, frutto del paziente lavoro delle esperte massaie del posto.
lo spirito che anima quest’evento è sempre giovane e intraprendente, esattamente come intraprendenti furono i fondatori della Pro Loco, a cui vanno i nostri ringraziamenti e nei confronti dei quali tutti i paupisani sono riconoscenti, per aver inventato un evento che successivamente si è evoluto addirittura su scala regionale per la qualità del prodotto e la bravura delle massaie. Una kermesse – afferma Coletta – inserita nell’elenco dei progetti ammessi a finanziamento dalla Regione Campania a valere sulla programmazione POC 2014-2020, nell’ambito di un progetto presentato in compartecipazione con altri Comuni e sotto l’egida del Comune di Valle Agricola, capofila, che premia appunto gli sforzi organizzativi e la validità dell’evento, che dà ancora più entusiasmo e risalto alla manifestazione.
Quest’anno l’evento, come negli ultimi anni vedrà la presenza di un festival nazionale di artisti di strada che affiancherà la manifestazione, offrendo un intrattenimento alternativo ai consueti spettacoli musicali che comunque saranno presenti ad allietare le serate paupisane , oltre al classico itinerario attraverso i tre stand gastronomici alla riscoperta delle tradizioni di un borgo storico e dell’identità culturale eno-gastronomica di un’intera comunità. Saranno presenti i carri di Foglianise, frutto di un’intensa collaborazione tra la nostra Pro Loco e il Comitato Festa di Foglianise. E ci saranno tanti altri eventi: un giro ciclistico , il Primo Giro della Dormiente, che partirà sabato pomeriggio da Paupisi per percorrere la valle Vitulanese e quella Caudina organizzato dall’ASD Pedale Arianese in collaborazione con la Pro Loco e il Comune, grazie all’impegno di Marco Iachetta ; le mongolfiere di Fragneto Monforte, iniziativa frutto di un’altra collaborazione con Fragneto Monforte grazie allo spirito di iniziativa della Pro Loco e del presidente Orsillo; un raduno di auto e moto d’epoca nella mattinata di domenica; il palio delle contrade e per concludere lo spettacolo delle fontane danzanti in piazza IV novembre.
Pertanto, – conclude il sindaco Coletta – nel ringraziare sempre la Pro Loco con cui collaboriamo da anni per il grande impegno profuso nell’organizzazione della manifestazione, ben rappresentata dal presidente Orsillo e dall’intero direttivo, ​ l’invito che rivolgiamo a tutti, è quello di accorrere numerosi il 23-24-25 e 26 agosto a Paupisi per degustare le nostre specialità e per trascorrere serate estive all’insegna di divertimento, spensieratezza, buona cucina e soprattutto, ospitalità”.

Comments

comments

Condivi il post su: