PD CAMPANIA: PIENO SOSTEGNO A DE LUCA, ORFINI OSSESSIONATO 

Campania Felix

17/06/2017

399 visualizzazioni

“Per rimediare ad una gaffe nei confronti del Governatore della Campania il presidente Orfini lancia, come suo costume da qualche tempo, strali contro il Pd regionale. Abbiamo sostenuto l’azione del presidente De Luca con le dichiarazioni e con i fatti sin dal principio, anche in tempi non sospetti, quando Orfini era alle prese con ben altre faccende e non era ancora affetto dalla sindrome ossessiva per il Pd campano”. E’ quanto afferma in una nota la segreteria regionale del Pd Campania.
“Vincenzo De Luca ha potuto contare, conta e conterà sempre sul sostegno pieno e convinto del Partito democratico della Campania – si legge ancora nella nota – Un sostegno manifestato anche in qualche momento di difficoltà in passato. E’ un sostegno vero e sincero, che si esprime nell’attività del gruppo in Consiglio regionale, in iniziative sul territorio che valorizzano anche l’azione di governo della Regione, nelle quali il presidente è stato sempre coinvolto, in un’apertura al confronto e al dialogo che non è mai mancata e sulla quale Vincenzo De Luca potrà sempre contare per dare ulteriore forza e migliorare il lavoro che la Regione sta facendo per i cittadini. Questo lavoro, unito all’impegno e alla passione di tanti dirigenti, amministratori locali, iscritti e militanti, è stato determinante per il risultato ottenuto dal presidente De Luca e continua a dare i suoi frutti, come dimostra l’ottima affermazione del Pd alle Comunali. Questi sono i fatti che, con la franchezza che ci ha sempre contraddistinti, non abbiamo paura di dire alla luce del sole e guardando negli occhi i nostri interlocutori. Il Partito democratico della Campania è vivo ed è qui, con i suoi limiti e i suoi errori”.
“Non mostrando rispetto per tutti coloro che in Campania lavorano con passione ed entusiasmo per il bene del Partito democratico – conclude la segreteria regionale – Orfini rischia di scatenare liti e beghe interne e commette una gaffe ancora più grave”.

Comments

comments

Condivi il post su: