I ragazzi napoletani della scuola Augusto Righi vincitori della gara ZeroRobotics

Campania Felix

02/02/2017

534 visualizzazioni

Gli alunni dell’istituto tecnico di Fuorigrotta sono i primi nel mondo, nella programmazione del software per la robotica aerospaziale.

righiLa squadra degli studenti napoletani si è classificata al primo posto nella Competizione Mondiale svoltasi in Olanda, dopo che per due anni si sono posizionati al terzo posto. I partecipanti alla gara, provenienti dalle scuole di tutto il mondo, hanno prodotto, modificato, condiviso, simulato e testato codice per SPHERES, dei satelliti artificiali simil-sferici (in realtà a 18 facce) installati all’interno della Stazione Spaziale Internazionale.

Le squadre finaliste degli studenti, questa’anno in Olanda, si sono misurate dal vivo con l’efficacia del codice software da loro prodotto testato sui satelliti artificiali, collegati attraverso un canale di comunicazione in diretta con la ISS in una gara condotta e arbitrata da un astronauta.

La gara si svolge tra alleanze di squadre, tra le 14 alleanze protagoniste della finalissima notevole la  presenza italiana, a testimoniare il grande impegno investito sull’iniziativa aerospaziale.

L’Istituto tecnico industriale “A. Righi” di Napoli è presente con ben due squadre, una delle quali guida l’alleanza SpaceLinguine, la dquadra vincente della quale fa parte anche l’Istituto di istruzione superiore “Avogadro” di Vercelli.

“Faccio i miei migliori complimenti alle squadre vincitrici che offrono un grande motivo di orgoglio al nostro Paese. Non è la prima volta che l’Italia ha un piazzamento così brillante. Consolidiamo dunque una felice tradizione in una gara che mette al centro la capacità di utilizzare le competenze in modo trasversale e offre alle scuole partecipanti la possibilità di entrare in contatto con realtà significative come il Massachusetts Institute of Technology e la Stazione Spaziale Internazionale”, ha dichiarato la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli. AEROPOLIS

Comments

comments

Condivi il post su: