Sant’Anastasia e il prospetto amministrativo della nuova amministrazione.

Campania Felix

28/08/2019

101 visualizzazioni

Sant’Anastasia –(Anna Smimmo)-  Settembre è alle porte e l’Ente si avvia a riprendere a pieno ritmo tutti i servizi e lavori che nelle ferie estive hanno subito un rallentamento fisiologico. Un’occasione propizia per fare il punto dello stato dell’arte direttamente con il primo cittadino.
A breve tutti gli organi amministrativi e gli uffici saranno impegnati nelle realizzazione del programma. A che punto siamo dopo la sua rielezione? “Quando si parla di ripresa si parla in senso generale, perché  in realtà non si è mai smesso di lavorare, dando la giusta attenzione al paese. “Mi reputo soddisfatto fin qui della vita della nuova amministrazione, ho nominato in poco tempo la Giunta, abbiamo trovato l’assetto consiliare, l’abbiamo fatto in modo veloce e questo fa capire che abbiamo le idee ben chiare, abbiamo un programma da rispettare. L’operato della prima parte dell’amministrazione, oltre a gestire la quotidianità, ci ha visto impegnati a lavorare sulla programmazione. Sono arrivati vari finanziamenti. Si, abbiamo intercettato dei finanziamenti della città metropolitana ed abbiamo presentato dei progetti in stato avanzato. Abbiamo avuto il finanziamento per gli spettacoli musicali, quindi, come abbiamo avuto la fortuna negli anni scorsi di portare artisti del calibro di Avitabile, d’Alessio, Schettino, avremo delle serate con artisti di fama e tanti altri di ottimo livello che ci faranno godere serate musicali di rilevanza nazionale. Abbiamo ottenuto finanziamenti anche per dotarci delle indagini e studio delle micro-zone sismiche del paese e per l’utilizzo di energia pulita, in particolare presso gli edifici scolastici. Nella programmazione stiamo vagliando l’allestimento di un ufficio ad hoc per i finanziamenti europei; sappiamo tutti che il sud Italia è il fanalino di coda rispetto agli altri paesi europei, gli Enti non riescono ad intercettare od a spendere i finanziamenti, per cui un ufficio specifico sarà un valore aggiunto e ci permetterà di fare tantissime cose a costo zero reperendo finanziamenti europei che sono dovuti all’Italia, perché noi facciamo parte dell’Europa, facciamo parte di quest’unione europea contribuendo economicamente e quindi dobbiamo essere bravi e capaci, con progetti definitivi pronti all’occorrenza, a partecipare ai bandi europei ed utilizzare i fondi disponibili.”-è quanto afferma il sindaco Raffaele Abete.

Comments

comments

Condivi il post su: