SOMMA VESUVIANA- Prof. ESPOSITO: “L’importanza della prevenzione del rischio di incendi per la tutela della biodiversità selvatica”. Programma “Fire Risk Assessment” Campania.

Campania Felix

28/01/2019

280 visualizzazioni

 SOMMA VESUVIANA- (Anna Smimmo)- La prevenzione del rischio di incendi nelle zone più belle della regione Campania, la salvaguardia dell’ambiente e degli animali che in esso hanno la loro casa sono al centro del programma “Fire Risk Assessment”, pronto a snocciolare i primi risultati. Un vero e proprio “manuale” redatto per la corretta gestione dei possibili pericoli. Partire  dalla prevenzione per tutelare in maniera adeguata la biodiversità e le filiere alimentari. La presentazione dei dati è in programma mercoledì 30 gennaio alle ore 9.30 al Teatro Summarte di Somma Vesuviana. Nel corso di questo primo appuntamento il Centro Regionale di Riferimento Veterinario per le emergenze non epidemiche (CeRVEnE)  intende informare dei risultati ottenuti nell’anno 2018 nel programma di “Buone pratiche dei Servizi del Dipartimento di Prevenzione in caso di Rischi Incendi“, riguardante le attività di prevenzione rivolte agli animali in caso di rischio incendio nella zona rossa dell’area Vesuviana.

L’evento è organizzato dal Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, nell’ambito della partecipazione al CeRVEnE e riporterà i risultati dell’anno 2018 del programma Fire Risk Assessment Campania.  La giornata descriverà gli eventi incendiari occorsi nella Zona Rossa Vesuvio e gli ipotetici scenari nei quali potrebbero trovarsi gli animali (domestici e selvatici) in caso di incendio.

“Sebbene oggi le leggi sulla sicurezza –spiega il professore Luigi ESPOSITO- obblighino ad avere dei protocolli per la valutazione del rischio incendio, non tutti sono in grado di comprendere quanto questa misura antincendio sia importante e debba essere sviluppata per la prevenzione, talvolta più importante anche della rapidità di intervento dei mezzi e degli uomini per lo spegnimento dell’incendio. Purtroppo, anche quando ci si trova di fronte alle situazioni ad alto rischio incendio, dove sono coinvolti gli esseri umani, le valutazioni dei rischi sono spesso trascurate. Ancor di più –conclude- si rivelano totalmente improvvisate allorquando c’è il coinvolgimento degli animali da reddito o di affezione e, non sono per niente considerate, se a bruciare è la biodiversità selvatica”.

Partendo dalle aree percorse dagli incendi, ai fini della prevenzione, si propongono possibili soluzioni per l’evacuazione e lo spostamento degli animali. Alla Tavola Rotonda, sono stati invitati tutti i sindaci dei venticinque Comuni della Zona Rossa Vesuvio; l’ASL Napoli 3 Sud; l’IZSM; la Fondazione MIDA; i Centri di Riferimento Regionali afferenti alla UOD Prevenzione e sanità pubblica veterinaria, Carabinieri Forestali, Vigli del Fuoco, Protezione Civile, Parchi, Associazioni ambientaliste, agricole e venatorie.

 

Comments

comments

Condivi il post su: