SPERLONGA- “L’UOMO E LA NATURA: PROMETEO”. Chiude la rassegna “Mediterranea”.

Campania Felix

23/08/2019

179 visualizzazioni

FORMIA/SPERLONGA- (Anna Smimmo)- Sabato 24 agosto, alle ore 21.00, va in scena lo spettacolo “Prometeo” della compagnia Teatro Mobile per la regia di Marcello Cava. 
 
Lo spettacolo chiude la rassegna “Mediterranea”, a cura di Marina Cogotti, che si è svolta dal 18 luglio al 24 agosto 2019 fra Minturno, Formia e Sperlonga, ed è inclusa nella terza edizione di “Artcity Estate 2019”, realizzata dal Polo Museale del Lazio, Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali diretto da Edith Gabrielli. 
 
Un evento unico in forma di installazione artistica-teatrale sonora con un’appendice divulgativa e scientifica. Il tema fondante del testo, il rapporto tra uomo e natura, con la valorizzazione e riflessione del tentativo storico della scienza di spiegare l’inspiegabile, in un evento spettacolare, in prima assoluta, Prometeo significa “colui che conosce in anticipo” ed è la metafora dell’uomo di scienza che cerca di spiegare ciò che altrimenti risulta inspiegabile. 
 
Nel tempo dell’individualità e della solitudine, nel desiderio e bisogno di percorsi di ascolto indipendenti ed esclusivi, la compagnia Teatro Mobile ha ideato una formula sperimentale che prevede lo spettatore visitatore audioricevente. Azioni attoriali dal vivo, significanze dei luoghi-ambiente, installazioni specifiche di arte visiva, allestimenti leggeri e mobili, musica dal vivo potranno modularsi in situazioni di base permanenti e in accadimenti eccezionali che non escludono momenti aggregativi e collettivi più simili all’evento spettacolare tradizionale. L’utilizzo degli strumenti percettivi sensoriali è così tutelato e amplificato rispetto alle costrizioni ambientali e logistiche e, trattandosi di progettualità legate a luoghi ed ambienti anche di pregio, vincolati e tutelati per funzioni ordinarie diverse, gli allestimenti di fatto inesistenti evitano ogni controindicazione legata ad impatti ambientali ed acustici diversi dall’ordinario. 
 
Insieme al Comprensorio archeologico di Minturno, sono tre i luoghi antichi e magici che sono stati scelti per la rassegna “Mediterranea”, dedicata alle parole e ai suoni del Mediterraneo. Culla comune e veicolo di scambio e contaminazione di culture diverse nella quale miti e storie si intrecciano da sempre a musiche eredi di lunghe tradizioni, come quella napoletana, salentina o magrebina. Insieme agli artisti d’accezione che daranno vita a questa rassegna, saranno infatti protagonisti gli scenari unici del sito archeologico di Sperlonga, del teatro romano di Minturno e il piccolo e prezioso scrigno del museo archeologico di Formia
 
Informazioni per il pubblico e modalità di accesso:
Museo Archeologico Nazionale e Villa di Tiberio
Via Flacca, km 16.300
04029 Sperlonga (LT)
+39 0771 548028
Biglietto intero € 5,00  ridotto € 2,00
Spettacolo nell’area archeologica. Si consiglia l’uso di calzature adeguate.
 
Per le prenotazioni scrivere a:
 
E’ consentita la prenotazione, per un numero massimo di 4 posti, entro le ore 24 del giorno precedente lo spettacolo. 
La mail di richiesta deve contenere Nome e Cognome del richiedente, recapito telefonico, numero di posti richiesti. La prenotazione è accettata previa mail di conferma. I biglietti devono essere ritirati entro le ore 20,30; dopo tale orario verranno resi disponibili per il pubblico in attesa.
 
Ufficio stampa
Guido Gaito info@gaito.it
Maurizio Quattrini maurizioquattrini@yahoo.it

 

Comments

comments

Condivi il post su: