Squille- La tradizionale corona d’alloro del Cav. Cerreto con Alberto ed Enrico D’Agostino

Campania Felix

14/10/2020

82 visualizzazioni

Squille-(Anna Smimmo) – Quasi 80 anni di storia, ma il ricordo è ancora vivo nella mente, nei racconti, di chi certi eventi li ha vissuti davvero.
A causa dell’aumento dei contagi, l’annuale commemorazione ai caduti civili e di guerra della Seconda Guerra Mondiale a Squille è rimandata a data da destinarsi.​
Nonostante ciò il Presidente dall’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci – Sezione di Squille, Tommasino Cerreto si è recato ad apporre la consueta corona d’alloro in memoria delle vittime. E stavolta non solo di guerra, ma anche dell’epidemia in corso.​
La corona è stata accompagnata dal tricolore italiano, simbolo di una Nazione che di sfide, battaglie, ostacoli ne ha vinti e superati.
Un gesto personale e senza formalità quello del presidente Cerreto. Presenti sul posto, per onorare la memoria storica e ricordare i fatti dell’epoca, anche Alberto D’Agostino, a sua volta accompagnato da suo figlio, il dott. Enrico D’Agostino nonché Presidente dell’ A.N.C.R. – Sezione di Caiazzo.
“La cerimonia tradizionale, momento di aggregazione e di memoria condivisa degli avvenimenti storici dell’epoca, si svolgerà non appena questa situazione d’emergenza sarà terminata” ha dichiarato il Cav. Cerreto.
Intanto sono iniziati i lavori de “L’alba di Squille”, documentario che ripercorre in particolar modo gli eventi culminato nella notte tra il 13 e 14 ottobre 1943.
Lo stesso Tommasino ne è stato protagonista in prima persona. Quella notte culminò nello scontro finale tra le truppe Americane e le milizie tedesche. Bombardamenti, sparatorie a non finire, la rimbombante resa a desolazione dell’intero territorio.
Ma poi l’alba, la liberazione di Squille e i territori circostanti.​
Fatti che nel documentario in fase di sviluppo verranno dettagliatamente narrati.
A tempi migliori, giorni più soleggiati.

Comments

comments

Condivi il post su: