TORINO-Il campano dott. Gennaro Izzo nell’Ecmo ai Mondiali di Volley 2018.

Campania Felix

02/10/2018

809 visualizzazioni

TORINO- (Anna SMIMMO)- Durante “le Final Six del Mondiale di Volley di Torino”, tenutasi dal 26 al 30 settembre 2018, per la prima volta, è stata presente l’Ecmo (il sistema di supporto cardiocircolatorio extracorporeo) gia’ utilizzato in ambito ospedaliero. Il fiore all’occhiello della manifestazione è stata la collaborazione del servizio sanitario con il Servizio di Anestesia e Rianimazione e di Cardiochirurgia dell’ospedale Molinette della Città della salute di Torino, diretti dai professori Luca BRAZZI e Mauro RINALDI,  di cui fanno parte anche i tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare (Perfusionisti) coordinati dal nostro conterraneo dottor Gennaro IZZO ( Perfusionista) e dell’Ospedale Mauriziano di Torino, diretti dai dottori Gabriella BUONO e Paolo CENTOFANTI. I professionisti, durante la competizione, sono stati a bordo campo, in caso di necessità di soccorso per gli atleti. Anche in questa occasione l’organizzazione sanitaria dell’evento è stata affidata all’Istituto di Medicina dello Sport di Torino (coordinata dal dottor Marcello MARTORE), con la collaudata collaborazione del servizio di Anestesiologia di Maria Pia hospital Torino e la CRI. Infine, a completare l’assistenza sono stati presenti anche gli specialisti della Naemt Italia specializzata dell’assistenza di tipo traumatologia.

 

 

 

“Nelle grandi manifestazioni e non solo per gli atleti in gara, sarebbe ormai auspicabile la presenza di un Ecmo Team per dare sicuramente maggiore possibilità di sopravvivenza proprio in quelle circostanze dove è un vero problema raggiungere in breve tempo un centro ospedaliero attrezzato“- é quanto afferma il dottor Gennaro IZZO, Perfusionista dell’ospedale Molinette della Città della salute di Torino, un eccellenza campana, originario di Mondragone, precisamente, una cittadina in provincia di Caserta, presente durante la gara.

 

Comments

comments

Condivi il post su: