Una serata speciale nell’Osservatorio di Capodimonte per festeggiare i 200 anni della struttura scientifica cittadina

Campania Felix

28/10/2019

220 visualizzazioni

Foto di Pino Attanasio.

(Anna Smimmo) – INAF-Osservatorio Astronomico di Capodimonte​ e​ U.S. Naval Forces Europe Band hanno​ presentato ​ una serata per celebrare​ i 200 anni dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, ovvero​ il bicentenario dalla prima osservazione astronomica compiuta nel nuovo osservatorio di​ Napoli a Capodimonte e i 20 anni dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, il principale ente​ di ricerca italiano per lo studio dell’Universo.
Il programma della serata è stato arricchito da una interessante e chiarissima conversazione scientifica​ di​ Marcella Marconi, direttrice dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, dal titolo: Dalle Luci della Via Lattea ai Confini dell’Universo. Nonostante l’apparente difficoltà dell’argomento di astrofisica bisogna complimentarsi con la direttrice per la semplificata​ esposizione​ vista la presenza di un foltissimo pubblico in parte sicuramente non esperto degli argomenti trattati. La serata è continuata con il bel concerto Jazz della U.S. Naval Forces Europe Big Band, una ensemble di 21 elementi che ha brillantemente eseguito ​ musiche dei maggiori esponenti del Jazz americano da Duke Ellington a Count Basie e George Gershwin, trascinando i tantissimi presenti in un entusiasmante partecipazione.
Bravissimi tutti i musicisti ed arrangiatori della Navy​ e dei Carabinieri nonché dell’Esercito Italiano. La serata musicale si è conclusa con un emozionante interpretazione dell’Inno Nazionale Italiano a cui hanno partecipato​ con​ passione quasi cinquecento presenti. La U.S. Naval Forces Europe/Allied Forces Band è un’organizzazione musicale multi-nazionale con sede a Napoli Capodichino, band ufficiale della Marina americana in Europa. Si esibisce in tutto il continente Europeo (Mar Mediterraneo, Mar Nero, Mar Caspio), in tutta l’Africa e in Asia occidentale. I componenti della band si sono esibiti in numerose nazioni: dall’Inghilterra all’Islanda, dalla Croazia a Israele, dal Gibuti alla Guinea equatoriale fino al Sud Africa. La band raggiunge un pubblico complessivo di oltre 60 milioni di persone in più di 35 paesi, grazie alle centinaia di performances che svolge ogni anno.
Sono seguite, per il numerosissimo pubblico presente, le osservazioni ai telescopi​ del cielo di Napoli con la guida degli astronomi di Capodimonte e dell’Unione Astrofili Napoletani.

Comments

comments

Condivi il post su: