Unicarve, un app per calcolare i costi di produzione dei bovini da carne.

Campania Felix

01/08/2019

129 visualizzazioni

PADOVA – (ANNA SMIMMO) – L’assemblea di Unicarve riconferma presidente Fabiano Barbisan. Celebrati i vent’anni dell’associazione con un meeting sulla sostenibilità della zootecnia bovina da carne. Da ottobre una app per smartphone per calcolare i costi di produzione dei bovini da carne

L’assemblea dei delegati Unicarve, riunita il 20 luglio a Padova per approvare il bilancio dell’esercizio 2018, chiuso in attivo, e per il rinnovo cariche, ha riconfermato all’unanimità alla presidenza dell’associazione per il quadriennio 2019-2023 Fabiano Barbisan.
Terminati gli adempimenti statutari è iniziato il meeting sul tema della “Sostenibilità ambientale, sociale ed economica della zootecnia bovina da carne prodotta in Italia”, organizzato per celebrare i vent’anni dalla fondazione Unicarve (1999-2019), partecipato da oltre duecento fra allevatori e ospiti, con relazioni di spessore e chiuso dall’intervento del presidente nazionale della Coldiretti Ettore Prandini. I lavori sono iniziati con il saluto del ministro Gian Marco Centinaio e dell’assessore Roberto Marcato, intervenuto in rappresentanza della Regione Veneto.
Il primo intervento è stato del ricercatore Kees De Roest del Crpa di Reggio Emilia, che ha mostrato l’andamento di mercato nazionale ed internazionale della carne bovina, ponendo in rilievo una ripresa dei consumi di carne a livello europeo di circa il 2%. De Roest ha poi presentato il progetto Unicarve per una app da utilizzare su smartphone per calcolare i costi di produzione dei bovini da carne, realizzata in collaborazione con Trouw Nutrition Italia, che sarà operativa da ottobre 2019 e a disposizione di tutti.
Al meeting si è parlato anche di blockchain con Gian Luca Mascellino, cofondatore con Dario Dongo di Wise Chain, che ha posto le basi per un sistema di tracciabilità delle produzioni “semplificato”, per non creare costi inutili ai produttori, già tartassati dall’andamento di mercato, e per fornire informazioni utili ed immediate ai consumatori, lungo tutta la filiera.
Per il Crea di Lodi è intervenuto Luciano Migliorati, che ha mostrato l’andamento del progetto “Life Beef Carbon”, partecipato a livello internazionale da Unicarve, con i risultati della ricerca che dimostra la bontà delle pratiche agricole poste in essere dagli allevatori per ridurre le emissioni in atmosfera.
Sui temi della biosicurezza, benessere animale e uso del farmaco negli allevamenti è intervenuta Francesca Calvetti, veterinario dirigente del Ministero della Salute, che ha illustrato nei particolari l’andamento del progetto Classyfarm, in fase avanzata di realizzazione, per classificare le aziende di allevamento in base a parametri oggettivi rilevati da veterinari aziendale e controllati da veterinari pubblici. Argomento molto importante, ripreso dal presidente Barbisan con la raccomandazione che la comunicazione ai consumatori dei livelli del benessere animale e degli altri parametri delle aziende di allevamento avvenga utilizzando strumenti a disposizione come il Sistema Qualità Nazionale Zootecnia.

Comments

comments

Condivi il post su: