Il Ventre di Parthenope e la Galleria Borbonica in collaborazione con Mater Parade presentano: “Napoli è femmina” – Venerdì 6 gennaio

Campania Felix

03/01/2017

334 visualizzazioni

Il Ventre di Parthenope e la Galleria Borbonica in collaborazione con Mater Parade presentano:

“Napoli è femmina” – Venerdì 6 gennaio – due spettacoli alle 19 ed alle 21 – ingresso Via Morelli – info e prenotazioni: 3247984573

Grande spettacolo itinerante nei suggestivi antri della Galleria Borbonica dove sensuali danzatrici orientali e sacerdotesse della Dea egiziana Iside vi accoglieranno avvolgendovi al passaggio nel vortice dei loro veli dorati; ammalianti sirene danzanti della Dea Parthenope inviteranno il pubblico ad una esperienza sensoriale unica. Ad ogni caduta di ciascuno dei sette veli della danza della Dea Ishtar, Dea dell’amore, svelerete la vostra anima…e i vostri segreti proibiti…Riceverete grano dalle sacerdotesse della Mater Matuta e artisti dell’anima dal vivo vi mostreranno le loro visioni. A ogni angolo sarete sorpresi dal volo di anime danzanti che vi condurranno verso il luogo delle vibrazioni delle voci, dove un canto ammaliante della Carmen di Bizet accompagnato da una danza flamengata vi condurrà nel regno della “Femme Fatale”, dove il Canto della Dalila di Saint-Saens sarà accompagnato dall’acrobatica danza delle spade. Ma poi dalla Dea passeremo alla Mamma Schiavona e una fragorosa tammurriata, esilarante e festosa.
Tutto il femminino si svelerà al vostro passaggio…perché Napoli è femmina. Pronti per esserne travolti?

Autrice e testi: Francesca Barrella

Direttore artistico: Silvana Figlioli

Mezzosoprano: Rosalba Raia

Attori: Francesca Stizzo, Fulvio Fabris

Danzatrici: Candida Grimolizzi, Margot Lazar, Lorella Licata D’Andrea

Con la partecipazione dell’artista Roberto Branco, autore delle splendide creazioni artistiche ispirate alle “Madri di Capua”, e di Nicola Caracciolo. L’evento infatti aderisce al progetto “Mater Parade” di sostegno e valorizzazione della collezione delle Matres Matutae del Museo Campano UNESCO, statuaria unica nel suo genere al mondo.

Con la collaborazione:

Le Cantine Lonardo- Contrade Taurasi.
Si potrà degustare l’aglianico D.O.C Irpinia di Cantine Lonardo, eccellenza della guida dei vini dell’Espresso 2017. Antonella Lonardo sta portando avanti il lavoro del padre, Sandro Lonardo, che fondò l’azienda nel 1997. Il marito, Flavio Castaldo, insegnante, archeologo e amante dei vini, parlerà del suo nuovo libro “Storie di vini e di vigne intorno al Vesuvio” in cui narra l’universo del dio Dioniso nella Campania romana.
L’associazione Le radici del Benessere pone l’attenzione sull’alimentazione come prevenzione primaria attraverso corsi di “cucina benessere” in modo da trasformare il cibo che mangiamo nella quotidianità in un prezioso alleato della salute. Nella serata gusterete una sangria come non l’avete mai provata prima!

Comments

comments

Condivi il post su: