Casalnuovo di Napoli, Inaugurato il campo Frascogna: “Non ci fermeremo finché non avremo giustizia per Simone”

Campania Felix

25/01/2021

83 visualizzazioni

È stato inaugurato questa mattina il campo di calcio di Viale dei Tigli, realizzato con i fondi del Piano Strategico della Città Metropolitana di Napoli. L’impianto, ubicato nel cuore del comparto di edilizia popolare ex legge 219, è stato intitolato alla memoria di Simone Frascogna, 19enne casalnuovese barbaramente ucciso in una vile aggressione mentre cercava di difendere un amico.

Alla manifestazione sono intervenuti il sindaco di Casalnuovo di Napoli Massimo Pelliccia, il sindaco Metropolitano Luigi de Magistris, il presidente del consiglio comunale di Casalnuovo di Napoli Katia Iorio, l’artista Sal Da Vincii genitori di Simone Frascogna e Vincenzo Castaldo delegato della Pastorale dello Sport della diocesi di Acerra. La cerimonia si è aperta con l’affissione di una targa in memoria di Simone e con un toccante momento di preghiera officiato dal parroco don Tommaso Izzo.

«Il Piano Strategico di Città Metropolitana è un’opportunità di crescita e sviluppo per tutti i Comuni – ha spiegato il presidente del consiglio comunale di Casalnuovo Katia Iorio – Casalnuovo ha ottenuto finanziamenti per 5 milioni di euro e tutti i progetti che ha presentato sono stati finanziati, questo è frutto di un grandissimo lavoro». «Oggi però è anche una giornata d’amore – ha concluso Katia Iorio – perché siamo qui per ricordare Simone e lo vogliamo fare lasciando un segno su questo territorio».

Subito dopo è intervenuta Natascia, la madre di Simone, che si è rivolta ai giovani del territorio. «Questo campo è stato dedicato a Simone – ha detto – tenetene cura, crescete con lo sport e con i valori che lo sport esprime». «Simone amava lo sport e lo praticava – ha detto invece Vincenzo Castaldo, delegato della Pastorale dello Sport della diocesi di Acerra – questa tragica vicenda ha sconvolto l’intera comunità. Noi abbiamo l’obbligo di ricordare Simone con amore e praticando lo sport che è sinonimo di sudore e sacrifici. Solo così potremo gioire e questa sarà la vittoria più bella».

«Oggi è una bella giornata per due motivi – ha spiegato il sindaco Metropolitano Luigi de Magistris – il primo è che consegniamo al territorio un campetto realizzato con soldi pubblici e fatto condividendo idee e governando nell’interesse dei cittadini». «La seconda motivazione – ha aggiunto de Magistris – è ancora più importante: siamo qui per intitolare questa struttura alla memoria di Simone. Quando ti strappano qualcosa con violenza subentra la rabbia, qui invece abbiamo voglia di giustizia e amore». Infine il sindaco metropolitano si è rivolto ai giovani: «Questo è un luogo vostro, dovete averne cura. Il modo migliore per respingere la devianza e la criminalità è stare insieme». Commosso l’artista Sal Da Vinci: «Sono padre e sono nonno – ha detto – quello che prova la famiglia di Simone è un dolore immenso, quasi impossibile da sopportare. Dobbiamo batterci tutti per cancellare la violenza dalle nostre vite». 


A chiudere gli interventi di una cerimonia ricca di significato è stato il sindaco di Casalnuovo Massimo Pelliccia. «È stata una mattinata emozionante – ha dichiarato il Sindaco Massimo Pelliccia – ogni area dedicata allo sport, all’aggregazione, ai giovani segna un tassello importante per la comunità. Abbiamo dimostrato come amministrazione di riuscire a sfruttare ogni opportunità di finanziamento che ci permettere di creare nuovi spazi ed infrastrutture. Dieci mesi fa ci siamo ritrovati per presentare i progetto del Piano Strategico e oggi siamo qui per inaugurare la seconda opera di questo programma. Abbiamo deciso insieme alla famiglia di intitolare questo spazio a Simone – ha concluso il primo cittadino – è un nostro modo di onorare la sua memoria e dimostrare che non ci arrenderemo mai finché non otterremo giustizia. Lo dobbiamo a lui e a tutti i cittadini onesti».

Comments

comments

Condivi il post su: