CASTEL VOLTURNO (CE): I CARABINIERI FORESTALE DI CASTEL VOLTURNO SOTTOPONGONO A SEQUESTRO UN INTERO COMPLESSO AZIENDALE BUFALINO PER ILLECITO SMALTIMENTO DI REFLUI ZOOTECNICI ED INQUINAMENTO AMBIENTALE

Campania Felix

17/03/2021

80 visualizzazioni

I militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Castel Volturno hanno effettuato una verifica presso un allevamento bufalino, sito alla via Potenza, in agro del comune di Castel Volturno (CE), constatando quanto segue:

–       presenza di uno scarico abusivo con tubazione in pvc interrata al di sotto della pavimentazione attraverso il quale i liquami, provenienti dai paddock, defluivano all’interno di un canale perimetrale;

–       presenza di effluenti zootecnici frammisti a paglia stoccati impropriamente sul suolo nudo della sponda destra del canale principale pensile affluente dei regi lagni;

–       presenza di una vasca interrata in c.a. colma di effluenti non palabili e cumuli di effluenti palabili frammisti a paglia, per la quale non è stata prodotta dalla proprietà alcuna documentazione attestante lo svuotamento/smaltimento periodico;

–       l’azienda non è risultata in possesso di alcuna documentazione obbligatoria tra cui regime di comunicazione al comune – zona interessata dallo spandimento degli effluenti zootecnici – comunicazione al comune di spandimento liquami zootecnici – piano di utilizzazione agronomica – registri delle utilizzazioni agronomiche – titoli di godimento dei terreni interessati dalle utilizzazioni agronomiche.

Pertanto, i predetti militari hanno proceduto al sequestro probatorio e preventivo dell’intero complesso aziendale e sue pertinenze nominando custode giudiziario il proprietario con facoltà d’uso per il governo degli animali.

Il titolare dell’allevamento è stato deferito in stato di libertà per i reati di inquinamento ambientale, gestione illecita di rifiuti speciali costituiti da effluenti zootecnici ed utilizzazione agronomica sempre di effluenti zootecnici al di fuori dei casi previsti dalla normativa vigente.

Nel corso del controllo sono stati altresì rinvenuti altri rifiuti speciali non pericolosi abbandonati sul suolo nudo tra cui: contenitori in plastica, rottami in ferro, pneumatici fuori uso, bombole di gas, rifiuti ingombranti etc.. Al riguardo, la ditta non è risultata in possesso di un contratto di convenzione con ditta specializzata, né di un registro di carico e scarico rifiuti e tantomeno dei formulari di identificazione dei rifiuti. Per tale violazione è stata elevata sanzione amministrativa, ai sensi del Testo Unico Ambientale, per un importo pari a circa 2000 euro.

Comando Provinciale Carabinieri di Caserta

Sala Stampa

Comments

comments

Condivi il post su: