Cellole firma il Manifesto per la Comunicazione Non Ostile: contro l’odio in rete! Informazione di qualità.

Campania Felix

01/12/2019

560 visualizzazioni

CELLOLE- (Anna Smimmo)-“IL MANIFESTO DELLA COMUNICAZIONE NON OSTILE” è una carta che elenca dieci princìpi di stile utili a migliorare lo stile e il comportamento di chi sta in Rete. Il Manifesto della comunicazione non ostile è un impegno di responsabilità condivisa che vuole favorire comportamenti rispettosi e civili. Vuole che la Rete sia un luogo accogliente e sicuro per tutti.

“La Giunta Comunale, su mia proposta, ha accolto l’invito del Presidente Nazionale Anci, Antonio Decaro, di firmare il Manifesto per la Comunicazione Non Ostile. Dopo i sindaci di numerosi comuni, tra cui Torino e Milano, anche Cellole, si unisce nella battaglia contro chi fomenta e cavalca l’odio sui social, politici compresi.
“Il Manifesto della comunicazione non ostile” messo a punto da Rosy Russo, ideatrice e fondatrice di Parole O_ Stili, è un decalogo che declina dieci principi e un progetto di sensibilizzazione contro la violenza delle parole, per rendere la rete un luogo meno violento.
L’Amministrazione Comunale si assume l’impegno di osservare, promuovere e diffondere i dieci principi che si pongono l’obiettivo di contrastare l’odio in rete e sostenere un uso consapevole del linguaggio, sia da parte degli utenti, sia da parte di chi ricopre cariche politiche o istituzionali. Una richiesta già posta dalla Presidente del Consiglio Comunale, Marianna Mauriello, nel solco tracciato dal convegno sulla comunicazione al tempo dei Social. Una battaglia culturale che sceglie la forza delle idee invece della violenza degli insulti. Dedico la firma del Manifesto a Liliana Segre, senatrice messa sotto scorta dopo gli attacchi e le minacce ricevute, con oltre 200 messaggi di odio al giorno, dopo l’approvazione del Senato alla nuova Commissione contro l’odio, il razzismo e l’antisemitismo. Il 10 dicembre sarò a Milano per la manifestazione “L’odio non ha futuro”organizzata dall’Anci con i sindaci di tutti gli schieramenti, per testimoniare vicinanza alla Senatrice, per la memoria, contro l’odio e il razzismo”-
è quanto afferma la sindaca di Cellole avv. Cristina Compasso.

L’Uomo è Uomo in quanto libero ma non solo, anche responsabile. Chi usufruisce dell’informazione deve saper scegliere prediligendo sguardi che rispettino fatti e persone. Un’informazione di “QUALITA'” costruita sul rispetto delle persone, dei fatti, delle situazioni, ma anche con uno sguardo sulla vita degli esseri umani. Uno sguardo che sia utile per la comunità, fuori dalla cattiveria che oggi sembra dominare prettamente il circuito informativo.

Comments

comments

Condivi il post su: