Concorso radiologia Ospedale del Mare: la Lega denuncia anomale accelerazioni nelle selezioni”Concorso radiologia Ospedale del Mare: la Lega denuncia anomale accelerazioni nelle selezioni”

Campania Felix

03/02/2018

534 visualizzazioni

G. Cantalamessa, Coordinatore della Lega in Campania – ”Concorso radiologia Ospedale del Mare: la Lega denuncia anomale accelerazioni nelle selezioni”.

Napoli 03 febbraio 2018 – “Apprendiamo e denunciamo con grande stupore che la ASL Na1 ha stravolto la tempista per le prove orali prevista dal bando relativo al concorso per dirigenti di Radiologia da impiegare nel nuovo Ospedale del Mare. Come da regolamento, infatti, sarebbero dovuti trascorrere non meno di quindici giorni per comunicare la data delle ultime prove, invece, gli organizzatori, hanno subito convocato per lunedì le prove orali a distanza di soli cinque giorni dalla prova pratica che si è tenuta il 31 gennaio. Questa anomalia nella procedura, in piena campagna elettorale, si potrebbe prestare a diverse interpretazioni. Ricordiamo che, tra i candidati, ci sono anche dei fuori sede e una tale e imprevista scelta potrebbe pregiudicare la partecipazione degli stessi e, soprattutto, l’attendibilità delle valutazioni delle prove. Non si capisce come mai, dopo due anni di ritardi accumulati, si voglia, con ostinazione e in barba ai regolamenti, accelerare con tali selezioni, solo per inaugurare i reparti prima del 4 marzo. Pretendiamo spiegazioni e delucidazioni dagli organismi preposti a controllo. Ci chiediamo, inoltre, se non si tratti della solita corsa pre-elettorale di una politica che non ha più argomentazioni per nascondere i numerosi fallimenti in materia di Sanità. I soliti mal pensanti, a questo punto, già si chiedono da quali province proverranno i vincitori”.

Così Gianluca Cantalamessa, Coordinatore della Lega in Campania, denuncia la mancanza di rispetto delle procedure previste dal bandi di selezione per i nuovi dirigenti medici da impiegare nel reparto di radiologia dell’Ospedale del Mare.

Comments

comments

Condivi il post su: