Delmastro (FDI) : 1 Maggio, con la partecipazione si rilancia il lavoro e l’economia

Campania Felix

01/05/2020

287 visualizzazioni

 

Napoli, 1 maggio 2020 – “Il modello della partecipazione e della cogestione dei lavoratori e delle imprese e’ l’unica strada che abbiamo per far ripartire la produzione dell’Italia e per rilanciare il mondo del lavoro”.
E’ quanto ha affermato il responsabile esteri di Fdi, Andrea Delmastro, intervenendo alla videoconferenza nazionale di CNAL per il 1 Maggio.
“Rispetto all’emergenza coronavirus, non esiste una fase 2 perché questo Governo non ha fatto ripartire, di fatto, alcuna attività, applicando meramente i codici Ateco e lasciando alla paralisi realtà economiche in maniera inspiegabile destinandole al fallimento” – ha detto Delmastro -, per il quale “un’altra assurdità proposta da questo Governo e’ quella di proporre alle imprese, già in grave difficoltà, di accedere a nuovi prestiti bancari, anzichè immettere vera liquidità a favore delle imprese, come e’ avvenuto in altri Paesi”.
“Come FdI abbiamo presentato dieci proposte per il mondo del lavoro che fondano sulla ripartenza delle imprese in sicurezza per i lavoratori, sull’abbattimento della pressione fiscale, sulla semplificazione e flessibilità nel mondo del lavoro – ha proseguito l’esponente del partito di Giorgia Meloni -, abbiamo proposto la sospensione della plastic tax, che non e’ la soluzione alle problematiche ambientali e ammazza le imprese del settore, di reintrodurre i voucher nell’agricoltura”.
“Vanno sostenute le nostre imprese per rendere l’Italia Nazione della produzione e per contrastare le logiche della globalizzazione e di una Cina che, per le sue omissioni e ritardi nella comunicazione sul coronavirus, ha fatto si’ che questa grave pandemia investisse l’Italia e il mondo – ha proseguito Delmastro – per il quale “l’Italia e l’Europa devono tornare a produrre, difendere i prodotti del made in Italy e dare vita ad un nuovo modello di relazioni sindacali che metta in sinergia lavoratori ed imprenditori”.

Comments

comments

Condivi il post su: