«Forcella strit», al via le candidature per il secondo laboratorio del progetto

Campania Felix

22/04/2018

715 visualizzazioni

Forcella strit
un progetto finanziato dalla Regione Campania realizzato dalla Scabec ideato e organizzato dal teatro del popolo Trianon Viviani di Nino D’Angelo e Peppe Lanzetta regia Abel Ferrara
al Trianon Viviani
«Forcella strit», al via le candidature per il secondo laboratorio del progetto
Lo spettacolo musicale di Nino D’Angelo e Peppe Lanzetta, per la regia di Abel Ferrara, sarà in scena nella prossima stagione
20170804_162527 OK3.jpgIl Trianon Viviani annuncia il secondo laboratorio teatrale intensivo di preparazione di Forcella strit, lo spettacolo musicale di Nino D’Angelo e Peppe Lanzetta, per la regia di Abel Ferrara, che sarà in scena nella prossima stagione del teatro del popolo di Forcella.

Il laboratorio, a partecipazione gratuita, si terrà da lunedì 21 a sabato 26 maggio prossimi ed è rivolto a un massimo di venticinque cantanti-attori, allievi attori e attori con vocazione al canto, di ambo i sessi ed età compresa tra i 18 e i 40 anni.

Le candidature, corredate di lettera di presentazione, con indicazione delle motivazioni, e curriculum completo di foto, dovranno pervenire all’indirizzo laboratorio@teatrotrianon.org entro venerdì 11 maggio prossimo.

L’organizzazione provvederà a dare comunicazione, entro giovedì 17 maggio, esclusivamente a coloro che saranno selezionati per la partecipazione al laboratorio.

Finanziato dalla Regione Campania e realizzato dalla Scabec, con l’ideazione e l’organizzazione del Trianon Viviani, Forcella strit è un progetto che punta all’emersione di talenti – spesso inconsapevoli o “oppressi” da situazioni di difficoltà in aree di particolare disagio sociale come il quartiere Forcella – e alla diffusione di una cultura della relazione umana. Tra le sue attività qualificanti vi è la creazione di un laboratorio permanente, interno al teatro del popolo, che offra al Trianon Viviani un bacino di attori, musicisti e cantanti da coinvolgere nelle produzioni future.

Comments

comments

Condivi il post su: