Metrò Capua-Aversa, Santillo: ok a finanziamento di 210 milioni

Campania Felix

18/01/2021

541 visualizzazioni

 

Roma-(Anna Smimmo) – Buone notizie per il territorio della provincia di Caserta. La Regione ha infatti avuto l’ok dal Ministero dei Trasporti, per il finanziamento del metrò tra Aversa a Capua, anche in virtù dell’aggiornamento del Contratto di Programma RFI-MIT fortemente voluto dal Senatore del Movimento 5 Stelle Agostino Santillo. “Si tratta di un’opera di fondamentale importanza per la mobilità del territorio e per il suo rilancio economico – spiega Santillo –, che metterà in contatto realtà molto importanti che meritano da tempo un serio efficientamento dei trasporti.”
Il Senatore Agostino Santillo, infatti, durante lo scorso mese di maggio, si era impegnato per l’inserimento dello studio di fattibilità per soluzioni alternative per la ripresa ed il completamento della denominata “Alifana Bassa”, nell’ambito dell’aggiornamento del Contratto di programma tra il MIT ed RFI per la parte investimenti. Su indicazione del Senatore, quindi, la commissione VIII introduceva il progetto di fondamentale importanza per il trasporto pubblico casertano, da anni al centro di iniziative da parte di cittadini e associazioni.
In questo modo, la Regione Campania ha potuto attingere al Fondo per il rilancio degli investimenti che il Ministero dei Trasporti mette a disposizione per il Trasporto Rapido di Massa e Impianti Fissi, in accoglimento delle istanze dei sindaci di Aversa, Capua, Teverola e Santa Maria Capua Vetere.
“L’investimento prevede l’impiego di 210 milioni di euro – spiega il Senatore Santillo -, che saranno necessari per la realizzazione in 5 anni del collegamento metrò Aversa-Capua.
I benefici riguarderanno il vasto territorio a ridosso dei due comuni, che rappresentano importanti crocevia commerciali e imprenditoriali per l’intera regione. Non solo: il collegamento tra Aversa e Capua mette in contatto due realtà dal patrimonio storico-culturale inestimabile, con vantaggi evidenti per il rilancio turistico del territorio, ma anche per lo spostamento di giovani studenti, essendo entrambe le città – conclude Santillo – sedi universitarie dei Dipartimenti dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli.”

Comments

comments

Condivi il post su: