MONDRAGONE- COVID-19, ORDINANZA DEL SINDACO VIRGILIO PACIFICO.

Campania Felix

20/03/2020

5.548 visualizzazioni

MONDRAGONE- (Anna Smimmo)- Si sono registrati episodi di irresponsabilità e di mancato rispetto delle disposizioni previste per contenere la diffusione del contagio da​ Covid-19 e considerato che nella città di Mondragone risultano presenti una molteplicità di seconde case che potrebbero essere occupate in questo periodo e rappresentare veicolo di diffusione del virus,

dalla data odierna fino a nuove disposizioni il sindaco Virgilio Pacifico ordina (ordinanza sindacale n.13 del 20-03-2020):

il divieto ai non residenti presso la città di Mondragone di occupare a qualsiasi titolo le abitazioni ricadenti sul territorio comunale della città;

-il divieto di circolazione con qualsiasi mezzo, velocipedi (a trazione umana e/o assistita), ciclomotori e motoveicoli, monopattini, autoveicoli, autocarri e mezzi d’opera (di qualsiasi natura), salvo per i motivi espressamente previsti dal DPCM dell’11-03-2020;

l’interdizione assoluta di ingresso ed in transito di persone e veicoli provenienti da altri comuni nella città di Mondragone, salvo per i motivi espressamente previsti dal DPCM dell’11-03-2020, per la durata dell’intera settimana;

-la chiusura di tutti gli esercizi commerciali e artigianali comprese le carrozzerie, autofficine meccaniche e autolavaggi escluse le farmacie alle ore 18.00 di tutti i giorni feriali, fermo restando la sola apertura nei giorni festivi degli esercizi di generi alimentari, limitatamente al turno di mattina;

-la chiusura di tutti i parchi, giardini ed aree verdi aperte al pubblico, di proprietà comunale, con o senza recinzione, con divieto di ingresso e di stazionamento all’interno degli stessi;

-il divieto di praticare attività sportive e motorie all’area aperta, strade e spiagge, che sono consentite esclusivamente a coloro che ne hanno bisogno per oggettivi motivi sanitari, certificati o facilmente certificabili;

-il divieto di accesso a tutte le spiagge della città di Mondragone predisponendo della Polizia locale, Forze dell’ordine, Capitaneria di porto, punti di sorveglianza;

-la sollecitazione a tutta la cittadinanza a procedere ai necessari approvvigionamenti alimentari utilizzando per tale attività un solo componente del nucleo famigliare e ove possibile, recarsi nei punti vendita più vicini alla propria abitazione e nel caso avvalersi del servizio di consegna a domicilio nonchè di effettuare spese limitate agli effettivi beni di necessità;

la sollecitazione a tutta la cittadinanza ad attenersi rigorosamente alle misure restrittive disposte dai provvedimenti governativi e di non uscire di casa se non per motivi oggettivi urgenti ed indifferibili così come indicato nei DPCM (lavoro, approvvigionamento alimentare, salute).

Comments

comments

Condivi il post su: