Muscarà: “Col taglio degli stipendi della politica regaliamo una speranza agli ultimi”

Campania Felix

20/07/2021

42 visualizzazioni

La consigliera regionale M5S ha donato 20mila euro con i quali ha finanziato le associazioni di Scampia, ha acquistato un ecografo ai medici volontari e comprato farina per i bambini di Aleppo

Quattromila euro, ricavati dal taglio degli stipendi della consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Maria Muscarà, finanzieranno il restyling del campo di calcetto dell’oratorio Don Guanella, fondato dal prete anticamorra don Aniello Manganiello. La donazione è stata effettuata stamattina nella sede dell’oratorio. “Ho voluto fortemente destinare una quota dei miei stipendi a questa realtà attraverso la quale don Aniello da anni semina il futuro del quartiere e della città, facendo crescere con i principi sani dello sport centinaia di ragazzi che, grazie a iniziative come questa, hanno trovato un’alternativa alla strada”, ha dichiarato Muscarà.

I soldi sono parte della quota di 20mila euro accantonata dalla consigliera regionale M5S nel corso della precedente legislatura consiliare.

La restante parte è stata destinata all’associazione “Diamo una mano onlus” (4mila euuro), per l’acquisto di farina per i bambini di Aleppo; all’associazione “Lotta all’illegalità” (5mila euro) per allestire un parco giochi per i bambini a Scampia negli spazi antistanti la sede di Officina delle Culture “Gelsomina Verde”; ai medici volontari dell’associazione Nemeton Onlus (5mila euro) per l’acquisto di un ecografo portatile; all’associazione “N’sea Yet” (382 euro) per contribuire a finanziare un frutteto sulle colline del Vomero.

Nel corso della mattinata, la consigliera regionale Muscarà ha visitato anche la sede di Officina delle Culture “Gelsomina Verde”, dove ha incontrato il presidente Ciro Corona.

“Grazie a questa donazione – ha dichiarato Corona – abbiamo trasformato un giardino ridotto a discarica a cielo aperto in un parco giochi per bambini attrezzato con tre playground. Un regalo non solo alla nostra struttura, ma a un intero territorio, per il quale gesti come questo rappresentano veri e propri messaggi di speranza”.

Comments

comments

Condivi il post su: