ROCCAMONFINA- CORONAVIRUS, IL LUTTO PER LA MORTE DI NONNO MARIO FINO IN CANADA.

Campania Felix

22/03/2020

1.778 visualizzazioni

ROCCAMONFINA- Ieri, 21 marzo 2020, muore Mario Delli Colli: un uomo che sarà ricordato da tutti e che sicuramente non meritava una morte così crudele. La notizia valica i confini nazionali e arriva fino in Canada dove l’uomo per tantissimi anni ha vissuto e lavorato, lasciando un indelebile ricordo nei cuori dei suoi amici. Sui canali social della famiglia l’intera popolazione ed amici mostrano vicinanza in un momento così triste.

È un’immagine straziante. Si allunga l’ombra della morte, che non è solo l’allungarsi di una lista; è un’ombra che entra nell’anima. Non possiamo sottrarci al vissuto doloroso di coloro che vedono i propri cari sparire nel nulla. Ed è qui che l’unica nipote di Mario Delli Colli, Antonietta Fasano, chiede chiarezza sulla morte del proprio nonno, annunciando che sarà la magistratura a chiarire ogni dettaglio sulla questione.

“Nonno Mario è stato contagiato dal coronavirus nel reparto di neuro riabilitazione della Neuromed di Pozzilli mentre svolgeva le terapie per la deambulazione. Dopo la presenza dei primi sintomi è risultato positivo al tampone COVID-19. Non ha avuto un quadro clinico compromesso, almeno da ciò che ci hanno riferito dal bollettino medico telefonico. Fino a ieri mattina la situazione si presentava stabile, siamo riusciti persino a sentire telefonicamente, tramite un medico di turno, il nonno che ci ha rassicurati. Da ieri mattina non siamo più riusciti a metterci in contatto con l’ospedale in quanto non reperibili. Abbiamo sollecitato le forze dell’ordine per sapere lo status di mio nonno e in seguito abbiamo scoperto che era stato trasferito al Cardarelli di Campobasso senza alcun avviso dei familiari. Ci giunge una telefonata dal Cardarelli, come un fulmine, con la quale ci aggiornavano che nonno Mario fosse deceduto senza spiegarne i motivi”- è quanto afferma la nipote Antonietta Fasano.

Tanti i dubbi che circondano l’accaduto. “Spero che la giustizia faccia il suo corso e che una storia del genere non possa entrare mai in nessuna famiglia”– dichiara,infine, la nipote.

Tanta la solidarietà e la vicinanza ai familiari del defunto Mario, che la terra ti sia lieve.

Comments

comments

Condivi il post su: