USB denuncia ilcomprtamento di2iReteGas per il ricorso alla Cassa Integrazione

Campania Felix

07/04/2020

344 visualizzazioni

In relazione all’emergenza Coronavirus, ci troviamo, con rammarico, costretti a denunciare
l’immorale comportamento di 2iReteGas S.p.A. che in data 26/03/2020 ha inviato alla scrivente, una
richiesta di attivazione della Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria, peraltro senza preavviso
alcuno e con il dichiarato intento di approfittare del momento particolarmente delicato per introitare
indebitamente le risorse stanziate dal governo, a nostro parere, per sostenere le attività produttive
più deboli ed in difficoltà.
2iReteGas opera nel mercato della distribuzione del gas naturale, in concessione. Trattasi, di
attività essenziale, cosa che garantisce introiti riconosciuti in tariffa. Non si comprende, né si
giustifica, pertanto la rincorsa ad accaparrarsi una fetta importante di risorse del paese, invece di
dimostrare solidarietà verso quelle imprese che oggi hanno effettivamente bisogno di attingere ai
fondi messi a disposizione dal governo.
Unione Sindacale di Base
Lavoro Privato
Napoli Via Carriera Grande 32 Tel .081/207351 Fax 081/262369 e-mail campania@usb.it Pec campania.usb@pec.it
La richiesta di aderire alla “Cassa Integrazione”, non si giustifica neanche con un ipotetico
calo dal trasporto metano, dato che il minor consumo da attribuire alla chiusura delle piccole medie
imprese è ampiamente compensato dai consumi domestici, per forza di cosa, aumentati.
Nello specifico si tratta di un’azienda partecipata dal fondo F2i, a suo volta partecipata da
CDP (Cassa Depositi e Prestiti), sodalizio che proprio in questi giorni, notizia riportata sul “Sole 24
Ore”, è orientato al possibile acquisto di Autostrade, a dimostrazione della disponibilità di capitale e
dell’ingiustificato comportamento della loro controllata 2iReteGas.
Vogliamo fare presente che al tavolo virtuale con l’azienda, la scrivente ha prospettato
diverse soluzioni che comprendevano anche contributi da parte dei lavoratori, da devolvere alla
soluzione della attuale crisi, senza peraltro ricevere ascolto.
Denunciamo, come già fatto con i nostri stati di agitazione del 2017, 2018 e 2019,
quest’ultimo culminato con diverse ore di sciopero, e la denuncia presentata all’Asl pertinente, nel
contempo, la mancanza di un piano industriale credibile, cosa che la scrivente ha più volte fatto
presente alle competenti autorità. Questa assurda condizione, per una azienda presente su tutto il
territorio nazionale, ha negli anni prodotto:
 Un massivo ricorso alle esternalizzazioni
 La rincorsa di appalti al massimo ribasso
 Una cura, non all’altezza, della qualità del servizio
 Addirittura la mancanza dei preposti RLSA
 L’impreparazione attuale nella gestione della emergenza “Covid 19”
Siamo altresì a segnalarVi infatti che, nonostante le innumerevoli sollecitazioni giunte dalla
scrivente e dai delegati aziendali, questa azienda continua ad operare con modalità organizzative
non in linea con le misure contenute nei Decreti emanati dal governo, dal Protocollo del 14 marzo
2020 e dal Mise, in data 16 marzo 2020.
Più volte abbiamo segnalato la scarsa disponibilità dei dispositivi di protezione (mascherine,
guanti, soluzioni igienizzanti), ignorati per altro dalla direzione e con atteggiamenti per nulla
collaborativi. Non è stato possibile infatti, come invece richiesto dal governo, nemmeno approntare
l’unità di gestione della crisi, per l’assurdo comportamento aziendale ma soprattutto per l’assenza
inqualificabile delle figure preposte RLSA.
Vi chiediamo di attivare urgentemente le verifiche, per quanto di Vostra competenza, al fine
di limitare al massimo i rischi per i lavoratori diretti e delle ditte in appalto, oltre che dei cittadini con i
quali dovessero venire a contatto dato che al momento la Società 2IReteGas S.p.A. continua a non
adempiere alle misure di sicurezza previste dai DPCM e dal Protocollo Condiviso, Governo OO.SS.
del 14 marzo 2020,anche alla luce degli episodi già occorsi ai dipendenti della 2iretegas della
Regione Sicilia.
Coordinamento Regionale Energia Campania
U.S.B. Lavoro Privato
Mario Maddaloni

Riceviamo   e pubblichiamo

Comments

comments

Condivi il post su: