Vaccini: pubblicato il contratto tra la Commissione europea e AstraZeneca

Campania Felix

30/01/2021

174 visualizzazioni

Contratto tra la Commissione europea e AstraZeneca

A seguito della rinnovata richiesta della Commissione europea, il 27 gennaio 2021 la società farmaceutica AstraZeneca ha accettato di pubblicare la versione espunta delle informazioni riservate del contratto preliminare di acquisto firmato tra le due parti il 27 agosto 2020.

La Commissione accoglie con favore l’impegno di AstraZeneca per una maggiore trasparenza nell’ambito della sua partecipazione all’attuazione della strategia dell’UE sui vaccini.

Trasparenza e responsabilità sono importanti per il rafforzamento della fiducia dei cittadini europei e per l’efficacia e la sicurezza dei vaccini per essi acquistati a livello di UE.

La Commissione spera di poter pubblicare nel prossimo futuro tutti i contratti stipulati nel quadro degli accordi preliminari di acquisto.

Il contratto pubblicato oggi contiene parti espunte relative a informazioni riservate, quali i dettagli delle fatture. Il contratto con AstraZeneca è il secondo a essere pubblicato, dopo che CureVac ha accettato di pubblicare il suo accordo preliminare di acquisto con la Commissione europea.

Per la Commissione, la tutela della salute pubblica e la conclusione dei migliori accordi possibili con le aziende, in modo che i vaccini siano economicamente accessibili, sicuri ed efficaci, sono fattori di fondamentale importanza.

Il contratto negoziato dalla Commissione europea unitamente agli Stati membri dell’UE, che è finanziato dallo strumento per il sostegno di emergenza, è stato approvato il 14 agosto ed è entrato in vigore il 27 agosto.

In virtù di questo contratto, gli Stati membri possono acquistare 300 milioni di dosi del vaccino prodotto da AstraZeneca, con un’opzione per l’acquisto di ulteriori 100 milioni di dosi da distribuire in proporzione alla popolazione. Il contratto consente inoltre agli Stati membri di donare le loro dosi di vaccino a paesi a reddito medio-basso o di ridistribuirlo ad altri paesi europei.

Comments

comments

Condivi il post su: