Grande attesa per la XXXI edizione del Memorial Paolo d’Aloja

Campania Felix

05/04/2017

782 visualizzazioni

TERNI, 05 aprile 2017 – Questa mattina nella sede della Fondazione Carit si è volta la conferenza Stampa di presentazione del XXXI Memorial Paolo d’Aloja. Ad accogliere i giornalisti, nella sala delle Cascate delle Marmore, il Presidente della Fondazione Luigi Carlini che, insieme al Presidente della Federazione Italiana Canottaggio, Giuseppe Abbagnale, all’Assessore allo Sport del Comune di Terni, Emilio Giacchetti, al Funzionario allo Sport della Regione Umbria, Lamberto Parmegiano Palmieri e al Direttore Tecnico Francesco Cattaneo, hanno presentato i vari aspetti dell’edizione 2017 della regata internazionale che, di fatto, apre l’anno agonistico internazionale sulla distanza dei 2000 metri.

Il Presidente Carlini, nel dare il benvenuto ai presenti, ha sottolineato che attraverso il sostegno all’organizzazione della regata, la quale ha registrato oltre all’Italia la presenza di altre ventidue nazioni, sostiene anche lo sviluppo del territorio nella sua interezza e nella bellezza paesaggistica tra le più ricche della Penisola. Un’occasione per Piediluco, e per l’Umbria intera, per rafforzare la sua immagine anche fuori dai confini italiani. A fargli eco l’Assessore allo Sport del Comune di Terni, Giacchetti, che ha ricordato come l’Amministrazione Comunale sia da sempre al fianco della Federazione Italiana Canottaggio in tutte le iniziative che svolge e organizza sul lago di Piediluco. Inoltre, alla domanda dei giornalisti, Giacchetti ha comunicato che al termine di questa stagione agonistica inizieranno i lavori di ammodernamento del Centro Nazionale di Preparazione Olimpica. Ammodernamento che terrà conto anche dei vincoli e delle disposizioni vigenti in materia ambientale.

In sintonia con il Presidente della Fondazione Carit, e con l’Assessore allo Sport del Comune di Terni, anche il rappresentante della Regione Umbria, Parmegiano Palmieri, che dai dati in suo possesso emerge che il turismo sportivo legato al canottaggio è molto forte poiché atleti e dirigenti, che arrivano a Piediluco per le regate, fanno ritorno sui luoghi nei quali hanno gareggiato e, quindi, garantiscono al territorio anche un ritorno economico lontano dalle competizioni. Il Presidente Abbagnale ha, invece, ringraziato tutte le componenti che partecipano e sostengono l’organizzazione dell’evento remiero come la Fondazione Carit, da subito sensibile ad affiancare il canottaggio individuandolo anche come volano economico, il Comune di Terni che, negli anni, è sempre stato tra gli ispiratori dell’organizzazione, e la Regione Umbria che, come gli altri Enti, è al fianco della Federazione.

Abbagnale ha sottolineato anche l’organizzazione del FISA Development Camp, in svolgimento da domenica scorsa, e la presenza di atleti provenienti da 23 nazioni compresa l’Italia. Il Direttore Tecnico Cattaneo ha evidenziato la presenza di atleti che, come gli azzurri, sono stati protagonisti ai Giochi di Rio de Janeiro salendo sul podio. Cattaneo ha anche affermato che, seppur la presenza italiana sarà come sempre massiccia, saranno presenti nazioni che presenteranno alcuni equipaggi molto competitivi e per gli azzurri sarà l’occasione per testare il loro attuale livello di preparazione in vista dei prossimi impegni di coppa del mondo.

Comments

comments

Condivi il post su: