UNIVERSIADE NAPOLI 2019, DICHIARAZIONE DEL VICEPRESIDENTE FULVIO BONAVITACOLA

Campania Felix

05/07/2019

561 visualizzazioni

NAPOLI- (Anna Smimmo)- Riportiamo la Dichiarazione del Vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola:

“Senza alcuna concessione alla retorica si può serenamente affermare che la serata di ieri al San Paolo lascerà un ricordo indimenticabile nella storia di Napoli e della Campania. Bisogna tornare al lontano settembre 1963 per ricordare l’ultimo evento sportivo internazionale ospitato in questa città. Ma ai Giochi del Mediterraneo parteciparono un decimo dei paesi e degli atleti che rendono le Universiadi di questi giorni un evento sportivo davvero planetario. E neanche è paragonabile il grande programma di ammodernamento dei tanti impianti sportivi realizzato per ospitare le Universiadi 2019, un immenso patrimonio da tutelare e sviluppare per affermare la Campania come la regione dei primati anche nello sport. Tra le tante cose straordinarie di cui essere fieri vanno sottolineati altri due aspetti. In primo luogo la grande e calda accoglienza che si respirava palpabile nella grande festa inaugurale. Ma va anche sottolineato come un evento di tali proporzioni sia stato ideato ed attuato senza arrecare particolari criticità alla vita ordinaria della città capoluogo e delle altre città ospitanti gli altri poli del grande villaggio. E senza fare dannose devastazioni ambientali e paesaggistiche: il solo pensiero di migliaia di conteiners disseminati (per fortuna, evitati) alla Mostra d’oltremare mette ancora i brividi. Ma l’evento è solo iniziato. Lungo tutto il suo svolgimento il calore  popolare di ieri sera certamente accompagnerà gli atleti nelle prossime gare e nelle loro escursioni nei tanti luoghi belli di Napoli e della Campania. La Regione Campania è orgogliosa di avere chiesto alla FISU l’assegnazione di un’edizione che rappresenta davvero una cornice unica per affermare valori universali di amicizia, rispetto e fratellanza fra i giovani di ogni parte del mondo”.

 

Comments

comments

Condivi il post su: