FONDI EUROPEI, PRECISAZIONE DELLA REGIONE CAMPANIA

Campania Felix

12/03/2021

151 visualizzazioni

In relazione a notizie apparse su alcuni organi di informazione, che in maniera confusa e fuorviante mettono insieme argomenti molto diversi tra loro sull’utilizzo dei Fondi europei da parte della Regione Campania, si precisa quanto segue.
– Parliamo anzitutto della Corte dei Conti, la quale nel suo annuale giudizio di parificazione del
rendiconto della Regione Campania ha espresso alcune perplessità relative alle modalità di
rappresentazione nel bilancio regionale dei fondi europei. Il complesso e articolato processo di
rendicontazione alla Commissione Europea, così come disposto dai Regolamenti Europei, trova
infatti difficoltà ad essere formalizzato nel bilancio regionale, e di questo è ben consapevole la
Corte, anche grazie alla piena collaborazione degli uffici regionali che hanno chiarito nel corso di
numerose audizioni ogni aspetto connesso alla spesa europea. In piena trasparenza e con la ferma
volontà di migliorare anno dopo anno, d’intesa con la Corte gli uffici regionali stanno
predisponendo una modalità innovativa di rappresentazione contabile della spesa europea che
possa colmare quel vuoto normativo che la stessa Corte ha evidenziato nel giudizio di parifica.
– Poi la questione degli 8 progetti esaminati dai “controllori” della Commissione Europea.
Vale la pena sottolineare che si tratta di interventi provenienti dalla programmazione precedente
2007/2013, la cosiddetta “accelerazione della spesa” che ha comportato un peso enorme sull’attuale
programma 14/20, visto che in gran parte gli interventi risultavano non conclusi, con gravi
problemi per le amministrazioni comunali e per le imprese coinvolte. Con grande senso di
responsabilità l’attuale Amministrazione ha fatto, e continua a fare, ogni sforzo per sanare questa
situazione incresciosa, avendo impegnato oltre 2 miliardi di euro dei fondi della programmazione
14/20 per sanare le questioni lasciate aperte dalla precedente Amministrazione. Il primo rilievo
della Commissione, per 7 degli 8 progetti esaminati è proprio relativo alla natura di questi progetti
provenienti dal passato, i cosiddetti progetti “retrospettivi”, ovvero realizzati con altre fonti di
finanziamento e rendicontati sui fondi europei attuali. Il punto su cui si sta dibattendo con la
Commissione, avendo peraltro pieno sostegno dalle Autorità nazionali, è il tecnicismo da utilizzare
per considerare legittima la rendicontazione dei progetti retrospettivi. In attesa della definizione
del contraddittorio, la Commissione con una “lettera di avviso” chiede di sospendere dalla
rendicontazione quei progetti che si trovano in condizione dubbia. Ecco spiegata la prima grave
irregolarità…
Aggiungiamo qualche precisazione sulla seconda presunta irregolarità riscontrata
dalla Commissione su 2 degli 8 progetti esaminati, anche questi provenienti dalla “accelerazione
della spesa” 07/13. La Commissione ha ritenuto illegittime le procedure di gara eseguite dai
comuni mediante il ricorso ad una cosiddetta “centrale di committenza” esterna, e non
direttamente dai loro uffici. Si tratta di una questione che il legislatore nazionale ha affrontato solo
nel 2017, allineandosi ai regolamenti europei già in vigore precedentemente. Ovviamente la
posizione dell’Italia – e non solo della Campania – è che tutti i progetti avviati prima del 2017
mediante il ricorso a una centrale di committenza esterna sono pienamente legittimi. In ogni caso,
quello che ha chiesto la Commissione è di sospendere cautelativamente, in attesa della definizione
del contraddittorio, una quota del 25% delle spese rendicontate su questi progetti.
-La Regione, in piena sintonia con le autorità nazionali, sta per rispondere alla Commissione,
aderendo alle richieste formulate nella “warning letter”, rimuovendo ogni ostacolo alla normale
prosecuzione del programma di spesa dei fondi europei.​

Comments

comments

Condivi il post su: