Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito misure cautelari nei confronti di un dirigente della CittàMetropolitana e due imprenditrici

Campania Felix

16/06/2020

211 visualizzazioni

Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli nei confronti di un Dirigente della Città Metropolitana di Napoli e di due imprenditrici operanti nel settore dei trasporti, riguardanti in particolare l’isola di Capri.
I reati ipotizzati sono quello della corruzione per atti contrari ai doveri di ufficio e quello del falso ideologico commesso da un pubblico ufficiale.
Contestualmente alla esecuzione della menzionata ordinanza la Polizia Giudiziaria ha eseguito numerose perquisizioni
GENERALITÀ DEI SOGGETTI DESTINATARI DELLA MISURA CAUTELARE E MISURA CAUTELARE APPLICATA IN RELAZIONE ALLE IPOTESI DI REATO CONTESTATE:
Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria:
1. D.G, nato a Napoli il 3 marzo 1960, indagato in ordine alle seguenti ipotesi di reato:
a. corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio di cui agli articoli 319 – 321 codice penale;
b. falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici di cui all’articolo 479 codice penale.
2. M. R. R, nata a Napoli il 3 gennaio 1975, indagata per:
a. corruzione di un pubblico Ufficiale per un atto contrario ai doveri di ufficio di cui agli articoli 319 – 321 codice penale;
b. falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici di cui all’articolo 479 codice penale.
Interdizione dal pubblico ufficio:
1. D. G., nato a Napoli il 3 marzo 1960, indagato in ordine alle seguenti ipotesi di reato:
a. corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio di cui agli articoli 319 – 321 codice penale;
b. falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici di cui all’articolo 479 codice penale.

Divieto temporaneo di esercitare attività d’impresa:
1. M.R. R, nata a Napoli il 3 gennaio 1975, indagata per:
a. corruzione di un pubblico Ufficiale per un atto contrario ai doveri di ufficio;
b. falsità ideologica commessa da un pubblico ufficiale in atti pubblici.
Divieto di dimora nel Comune di Capri:
1. L R. A. nata a Torre Annunziata (NA) il 22 gennaio 1945, indagata in
ordine alle seguenti ipotesi di reato:
a. corruzione di un pubblico Ufficiale per un atto contrario ai doveri di ufficio di
ufficio di cui agli articoli 319 – 321 codice penale.Guardia di Finanza
COMANDO PROVINCIALE NAPOLI
Ufficio Operazioni

Comments

comments

Condivi il post su: