Pasquale Sasso promuove la pastiera solidale veneto-mondragonese

Campania Felix

24/03/2021

202 visualizzazioni

 

Quello della pastiera napoletana solideale è un progetto che nasce dall’idea di due gourmet veneti Federico Menetto e Daniele Gaudioso ed è stata realizzata grazie all’incontro con due giovani pasticceri mondragonesi, Benito e Raffaele D’Agostino.
“Chi mi conosce bene lo sa: sono goloso e adoro i dolci della tradizione campana. – racconta Federico Menetto, veneto (anzi chioggiotto d’ origine) – Sono sceso in Campania il 12 dicembre scorso, come spesso accade per un tour della pizza e per una degustazione di vini, ne ho approfittato anche per fare un giro a San Gregorio Armeno, dove ho incontrato Pasquale Sasso, il quale mi ha presentato due fratelli pasticceri Raffaele e Benito D’Agostino di Mondragone, patria della mozzarella, e trascinato dalla loro passione, ha preso forma questo progetto, che ho condiviso subito con l’amico di tante avventure gastronomiche: Daniele Gaudioso”.
La ricetta di questo dolce è stata ripensata da Menetto nel segno del “less is more”, per arrivare agli ingredienti essenziali. “Ci siamo concentrati su 4 ingredienti fondamentali: uova, ricotta, vaniglia e sale, e costruito una squadra coinvolgendo altri artigiani come in un’opera collettiva, per migliorare tutto ciò che poteva (e doveva) essere migliorato”.
La ricerca delle materie prime è maniacale. La ricotta arriva da Mondrogone, patria della mozzarella. Le uova sono quelle di montagna di Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava. La vaniglia Bourbon arriva dall’isola di La Réunion, mentre il sale è quello integrale di Cervia. Il tocco finale è dato dall’olio essenziale di neroli, ottenuto dai fiori di arancio amaro, raccolti a mano e distillati tradizionalmente in acqua anziché a vapore, perché troppo fragili. Il risultato è una pastiera che basta guardare in questo breve video per rimanerne conquistati.
L’aspetto solidale. Una parte del ricavato (200 le pastiere prodotte in totale) andrà a sostegno dell’associazione Amici di Adamitullo, che in Etiopia sostiene la scolarizzazione di oltre mille tra bambini e adolescenti.

La pastiera si può acquistare online dal sito www.lapastieranapoletana.store.

Comments

comments

Condivi il post su: