COVID: INTESA PSICOLOGI-UFFICIO SCOLASTICO PER SUPPORTO A STUDENTI E DOCENTI

Campania Felix

24/02/2021

205 visualizzazioni

 

Prevenire fenomeni come il bullismo e il cyberbullismo, supportare docenti e studenti intervenendo sui bisogni educativi speciali e sui disturbi specifici dell’apprendimento, rispondere a traumi e disagi legati alla pandemia da Covid-19. Queste alcune tra le principali tematiche sulle quali l’Ufficio scolastico regionale e l’Ordine degli Psicologi della Campania si impegnano a lavorare insieme, attraverso un protocollo siglato oggi a Napoli.

In questo modo i due enti fanno confluire competenze e professionalità a sostegno degli studenti, dei loro familiari e del personale scolastico declinando sul territorio quanto stabilito all’accordo nazionale tra il Ministero dell’Istruzione e il Cnop. In virtù di questo protocollo tra USR e OPC vengono meglio specificati ruoli e funzioni dello psicologo ‘per la scuola’, con l’obiettivo di combattere e prevenire anche fenomeni come la dispersione scolastica o di promuovere la formazione, l’utilizzo e la sperimentazione di sistemi e tecnologie didattiche all’interno degli istituti.

“È importante la firma di questo protocollo – sottolinea il direttore generale dell’USR, Luisa Franzese – perché mai come in questo momento gli studenti, gli insegnanti e tutta l’istituzione scolastica hanno bisogno di ricevere un supporto per tutto ciò che sta avvenendo, non solo per il Covid, ma anche per altri aspetti, come ad esempio il bullismo e il cyberbullismo. Questo protocollo apre una nuova strada che oggi intraprendiamo con l’Ordine degli Psicologi della Campania per supportare ancora di più le istituzioni scolastiche”.

“Questa intesa è il risultato di un lungo lavoro avviato a fine settembre 2020 – spiega il presidente dell’OPC, Armando Cozzuto – con lo straordinario risultato di oltre 600 istituti che hanno già richiesto la presenza dello psicologo al loro interno. Tale protocollo tiene conto di tutta una serie di tematiche con le quali abbiamo imparato da tempi a confrontarci, come il bullismo, il cyberbullismo, i bisogni educativi speciali, i disturbi specifici dell’apprendimento, insieme a tutte quelle difficoltà emotive, relazionali e sociali che oggi richiedono più che mai una presenza strutturata all’interno della scuola. Un primo passo, importante, in tale direzione”.

Comments

comments

Condivi il post su: