DIGITA ACADEMY: REALTÀ AUMENTATA, IOT E BLOCKCHAIN PER IL NUOVO PROJECT WORK TARGATO GRADED

Campania Felix

08/04/2021

108 visualizzazioni

NAPOLI, 7 APRILE 2021 – Si chiama “Facility Automation Solutions for Smart Esco” e punta su Big Data, Data Analytics, Intelligenza Artificiale, IoT, blockchain e Realtà Aumentata,  il nuovo project work che Graded propone ai giovani talenti del quarto anno accademico di “Digita”, edizione che conferma la società di Vito Grassi partner «Platinum» dell’Academy nata dalla partnership tra Università di Napoli Federico II e Deloitte Digital. Ieri la presentazione dei progetti delle aziende partner, per il secondo anno in modalità virtuale, lontano dalle Aule di San Giovanni a Teduccio sede dell’Academy.

Dopo aver innestato meccanismi di digitalizzazione nell’esercizio degli impianti fotovoltaici, nell’ottimizzazione degli ordini di acquisto e nella gestione del fabbisogno energetico di una azienda agricola sostenibile, quest’anno gli studenti dovranno misurarsi con una nuova sfida che punta a digitalizzare alcuni processi core del business Graded volti a fornire servizi di manutenzione innovativa, sostenibile ed intelligente applicati e testati direttamente su uno dei clienti chiave dell’azienda. Lo faranno operando di concerto con un team che coinvolgerà ragazzi ex Digita impegnati oggi nella società di Grassi  – alcuni in strutture chiave come il nuovo ufficio di Digital Innovation – e manager esperti sia di Graded che dell’impresa cliente.

A presentare l’azienda e il nuovo project work è stata Ludovica Landi, Chief Operating Officer di Graded: “Si conferma per il quarto anno consecutivo la nostra collaborazione con Digita dalla quale sono nati progetti importanti, che ora sono in house e stiamo già proponendo ai nostri clienti – spiega Landi – . Progetti sviluppati ogni anno da un team trasversale composto da manager Graded e studenti dell’Academy. Nelle tre edizioni precedenti se ne sono succeduti 6: oggi sono tutti parte integrante della nostra squadra”.

 

Comments

comments

Condivi il post su: