Innovaway al fianco della Fondazione Santobono per il miglioramento della diagnostica dell’Ospedale pediatrico

Campania Felix

31/12/2020

66 visualizzazioni

 

 

Migliorare ulteriormente la qualità della diagnostica e dei servizi offerti ai piccoli pazienti che provengono da tutto il Sud Italia.
Nasce con quest’obiettivo il progetto con cui Innovaway (www.innovaway.it), importante realtà che dal quartier generale di Napoli opera in un contesto globale con progetti e servizi di trasformazione digitale,  ha scelto di supportare l’Ospedale Santobono Pausilipon di Napoli con l’acquisto di un nuovo macchinario per il reparto di Rianimazione del più importante ospedale pediatrico del Mezzogiorno.
“Il reparto di Rianimazione del Santobono di Napoli-  dichiara la direttrice della Fondazione Santobono Flavia Matrisciano- è un reparto ad alta intensità di cura che, oltre ad accogliere pazienti che necessitano di terapia intensiva, prende in carico anche pazienti con malattie cronice degenerative come la SMA che vengono seguiti anche attraverso un innovativo progetto di telemedicina. In questo tipo di reparto poter contare su tecnologie all’avanguardia è di fondamentale importanza quindi ringraziamo in modo particolare l’ad di Innovaway per la generosa donazione.”

“Abbiamo scelto di supportare il Santobono- dichiara l’ad di Innovaway Antonio Giacomini- con l’obiettivo di contribuire al miglioramento delle prestazioni dell’offerta ospedaliera così da garantire cure sempre migliori ai piccoli pazienti.  Il senso di responsabilità verso la nostra comunità ci ha portato anche quest’anno a fare la nostra parte nel segno dell’innovazione che da sempre caratterizza anche Innovaway.  Il nostro Competence Center Health care da anni raccoglie competenze distintive per il mondo della sanità e opera per promuovere iniziative e soluzioni tecnologiche presso tutte le strutture sanitarie, in prima linea in questo difficile momento per il Paese.  Abbiamo voluto dare il nostro contributo a chi cura i bambini che rappresentano il nostro futuro.”

Nel corso dell’incontro con il vertici della Fondazione Giacomini ha anche donato panettoni dello storico marchio napoletano Caflisch (https://www.caflisch1825.it) per i degenti in ospedale.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti:

Per Innovaway: Roberto Race 3470885233
Per l’AORN Santobono-Pausilipon: Gennaro Loffredo  328 368 1048

Seguono le schede di Innovaway, dell’AORN Santobono-Pausilipon e di Caflisch.

Innovaway
Il Gruppo Innovaway, con più di 1100 dipendenti e un fatturato aggregato di 50 milioni, offre soluzioni e servizi ICT innovativi, sviluppati con tecnologie all’avanguardia; annovera tra i 150 clienti realtà internazionali presenti in 200 Paesi nei settori dell’industria, finanza, retail, luxury, trasporti, servizi e settore pubblico. I dipendenti (60% laureati) sono il punto di forza di Innovaway, attiva in 8 sedi, che eroga i servizi in 27 lingue e svolge attività in tutto il mondo.
Innovaway opera in maniera collaborativa con i propri Clienti nella sfida della Digital Transformation, attraverso le proprie capacità di innovazione, di realizzazione e di gestione di soluzioni digitali.
La mission del Gruppo è di accrescere la capacità dei propri Clienti di competere a livello globale, grazie alle competenze dei propri professionisti, all’approccio end-to-end e al proprio modello operativo basato su innovazione e miglioramento continuo.
La practice IT conta su  un team con oltre 100 certificazioni che lavorano nell’ambito della system integration, con una Software Factory e una Test Factory.
La practice ITSM eroga servizi in 27 lingue diverse, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, per garantire la continuità dei servizi applicativi e infrastrutturali.
Il Gruppo Innovaway è costituito da diverse realtà, ognuna delle quali fornisce un contributo specifico in termini di competenze e di esperienze.
Innovaway ha competenze altamente specializzate in SAP con P&A Solutions, società del gruppo, e nello sviluppo di tecnologie IoT e capacità consulenziali ad alto valore aggiunto.
L’azienda ha i suoi quartieri generali a Napoli e Milano e sedi a Torino, Roma, Bari, Catanzaro, Cosenza e in Albania a Tirana.

AORN Santobono-Pausilipon
L’Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Santobono Pausilipon, attualmente costituita dagli ospedali Santobono e Pausilipon, rappresenta il segno della continuità con l’importante tradizione di cura dei bambini che ha sempre caratterizzato Napoli. I due ospedali, nati come centri di prevenzione antitubercolare, hanno fatto parte per molti decenni dello stesso Ente Ospedaliero Regionale Pediatrico, meglio conosciuto come “Ospedali Riuniti per Bambini di Napoli”. Sono storicamente punti di riferimento importanti per la cura delle malattie dell’infanzia e costituiscono il primo ospedale pediatrico del mezzogiorno. L’Azienda Ospedaliera Santobono Pausilipon è stata costituita quale Azienda Ospedaliera Pediatrica di Rilievo Nazionale ad Alta Specializzazione e Centro di Emergenza Regionale di III Livello nel 1994, a seguito del processo di trasformazione dei vecchi enti in Aziende.
È il più importante ospedale pediatrico del Mezzogiorno per numero di posti letto, livello di specializzazione e numero di prestazioni erogate, risultando il più grande HUB pediatrico del sud Italia. La sede amministrativa e legale aziendale è collocata in quello che fu il primo ospedale chirurgico pediatrico italiano, costruito dalla Duchessa filantropa e scrittrice Teresa Filangueri Ravaschieri, nel 1880, in memoria della figlia Lina Ravaschieri, deceduta in tenera età.

Caflisch
Il marchio Caflisch (https://www.caflisch1825.it) approdato a Napoli nel 1825 è oggi un nuovo progetto imprenditoriale in fase di rilancio.
Il suo patrimonio è fatto di antiche ricette e piccoli segreti che si tramandano da generazioni affiancato da una continua sperimentazione che sta portando alla rivisitazione dei prodotti della tradizione mantenendo la cura dell’artigianalità dell’offerta, la selezione delle più pregiate materie prime e con una forte attenzione ai nuovi trend di mercato nazionali e internazionali.

Comments

comments

Condivi il post su: