La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico a Paestum, ideata da ANA

Campania Felix

07/11/2019

589 visualizzazioni

PAESTUM- (Anna Smimmo)- Anche quest’anno la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico XXII ed., che si terrà a Paestum dal 14 al 17 novembre 2019, vedrà la presenza dell’Associazione Nazionale Archeologi, immancabile e tradizionale appuntamento fisso fin dalla nascita dell’ANA.
Come di consueto la nostra partecipazione avverrà sia attraverso la presenza fisica con uno stand espositivo, presso il quale svolgeremo una serie di iniziative ed incontri, sia con un momento di approfondimento scientifico di carattere nazionale, una tavola rotonda (domenica 17 novembre, ore 10-11.30, Hotel Savoy – Sala Velia), che ha come focus
centrale il patrimonio museale diffuso, ambito sempre più centrale e dibattuto nell’archeologia contemporanea, che tra norme e prospettive nuove, implica un ruolo nuovo per i professionisti anche nel loro rapporto con la società civile. La provenienza dei relatori, dal mondo delle istituzioni e da quello professionale, faciliterà una sintesi tra posizioni ed esigenze diverse.
Evento Domenica 17 novembre ore 10 – 11.30 Savoy Hotel, Centro Espositivo, Sala Velia
Tavola rotonda:
“Patrimonio museale diffuso: realtà, normative e opportunità professionali. Criticità e prospettive”.
Organizzazione a cura dell’ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARCHEOLOGI (ANA), con il patrocinio di CONFPROFESSIONI.
Introduce e modera il dott. Alessandro Garrisi, Presidente dell’Associazione Nazionale Archeologi.
Saluti iniziali:
Francesco Mazzella, Presidente Confprofessioni Campania
Salvatore Agizza, Presidente regionale sezione ANA Campania
INTERVENTI
1. Antonio Salerno (Polo Museale della Campania), “I musei archeologici del Polo Museale della Campania: reti di conoscenze sul territorio”.
2. Italo Iasiello (Università degli Studi di Napoli Federico II), “Enti locali e archeologia di comunità: il caso
della provincia di Benevento”.
3. Marcella Giorgio (Segretario nazionale ANA, Soprintendenza ABAP di Pisa e Livorno), “Professionismo
e patrimonio museale: salvaguardia della memoria storica tra promozione territoriale e valorizzazione culturale”.
4. Flavio Castaldo (Museo Archeologico di Taurasi),“Musei locali tra difficoltà di gestione e prospettive di
sviluppo”.
5.Giampiero Galasso (Musei Archeologici di Bisaccia e Carife – AV), “Musei archeologici di comunità: dalla fruizione consapevole alla cittadinanza attiva”.
A seguire: DIBATTITO e CONCLUSIONI.
ANA da sempre è sinonimo di partecipazione attiva, sia nell’impegno profuso per la tutela professionale, che
nella sinergia partecipativa dei soci. Essa si esplicita, come ogni anno, nella partecipazione attiva alla Borsa presso lo stand con incontri ed iniziative che aprono l’Associazione verso l’esterno, ma anche con lo svolgimento degli eventi associativi interni, come la riunione del Direttivo Nazionale, che vede la presenza di delegazioni da ogni regione d’Italia, momento annuale irrinunciabile per un’associazione viva ed in costante scambio osmotico con la realtà professionale dell’archeologia italiana.
Stand: da giovedì 14 saremo presenti per fornire informazioni sull’Associazione, le attività in essere e le
convenzioni destinate ai soci. Sarà possibile iscriversi o rinnovare l’iscrizione all’ANA.

Comments

comments

Condivi il post su: